Agata Scuto aveva 14 anni quando è scomparsa da casa sua otto anni fa ad Acireale. Da anni si cerca una traccia, un indizio, ma nulla, è completamente sparita. Attualmente i Carabinieri sarebbero alla ricerca del suo corpo. Il caso sarebbe stato riaperto dopo che a settembre 2020 è arrivata una segnalazione anonima al programma Chi l’Ha Visto su Rai Tre. La persona che ha telefonato riferiva che la ragazza non sarebbe mai uscita di casa, soprattutto da sola e sarebbe invece rimasta da allora sempre in casa, probabilmente in cantina. Gli inviati del programma di Rai 3 hanno fatto un sopralluogo nella cantina ma non vi hanno trovato nulla.

La segnalazione farebbe intendere che Agata non sarebbe mai scappata di casa con un uomo, come otto anni fa ipotizzarono i suoi familiari. Così la procura si è attivata aprendo un fascicolo di indagine sulla vicenda. Raggiunta dall’inviato di Chi l’ha Visto, la mamma di Agata, Mariella, ha replicato alle insinuazioni sostenendo: “Da questa casa Agata è uscita viva!”. E ha continuato a portare avanti l’ipotesi di un allontanamento volontario in compagnia di un ragazzo.

Era il 4 giugno 2012 quando la ragazza fece perdere le sue tracce. Da allora, dopo una denuncia di scomparsa – poi ritirata – nessun familiare avrebbe più cercato Agata. Un giallo che sarebbe stato destinato all’oblio ma che ora torna nuovamente al centro dell’attenzione mediatica. La mamma insiste nel dire che Agata “aveva organizzato tutto”.

Ma sul caso ci sono sempre state numerose ombre. Agata era una ragazza molto fragile, silenziosa e solitaria. Non usciva mai di casa, soprattutto da sola. Tra i pochi con cui aveva un rapporto c’era Rosario, il compagno della mamma. “Una volta mi ha detto ‘perché non lasci la mamma e ti fidanzi con me’, e io le ho risposto ‘Agata, ma cosa stai dicendo?”, ha raccontato l’uomo a Chi l’Ha Visto per poi aggredire la troupe.

Agata, secondo il racconto della sorella Giusy, aveva espresso il desiderio di andare a vivere da lei: “Sì, c’era quella idea, era entusiasta di venire a vivere con me … fino a che un giorno mi ha telefonato e mi ha detto queste parole: ‘Giusy, io di venire con te non me la sento. Voglio stare con la mamma’…”, ha raccontato. Ciò sarebbe accaduto dopo che alla famiglia è arrivata una pensione di invalidità, compresi gli arretrati pari a circa 13 mila euro. Pensione messa a disposizione della madre, di uno dei fratelli e di Rosario che in questi otto anni dalla sparizione della 22enne hanno continuato a percepire la somma mensile.

“Agata aveva un diario in cui riportava il giorno in cui aveva le mestruazioni, prima di sparire mi disse che da due mesi non le aveva”, ha raccontato mamma Mariella ipotizzando che la ragazza fosse rimasta incinta. E lancia il sospetto che questo potesse essere accaduto addirittura tra le quattro mura di casa.