«I 5 Stelle? Sono un partito sovversivo ed eversivo, insieme al Fatto Quotidiano, che sta dettando alle Procure le azioni da fare e le persone da prendere di mira. Vogliono demolire il sistema della rappresentanza in Italia», afferma Stefano Parisi, consigliere della Regione Lazio e leader di Energie per l’Italia.

Consigliere Parisi, c’è chi vede nell’indagine di Firenze sulla Fondazione Open di Matteo Renzi una nuova offensiva da parte dei magistrati. Condivide?
La storia si ripete. È dal 1992 che è in atto il ricatto della magistratura nei confronti della politica. Politica che ha ceduto via via potere ai magistrati.

Ad esempio?
Nel 1994 si iniziò con la rinuncia all’immunità parlamentare. Poi è stato il turno di una serie di norme liberticide come il traffico di influenze o, da ultimo, lo “Spazzacorrotti” voluto da Alfonso Bonafede.

Secondo Bonafede la “Spazzacorrotti” serve ad aiutare il lavoro dei magistrati.
Guardi, i 5Stelle sono guidati dai magistrati e sono lo strumento di un pezzo della magistratura.

Comunque non mi sembra che ci siano state grosse reazioni da parte degli altri partiti su questa deriva giustizialista
È un silenzio complice. Ricorda il Pci che nel 1993 non riusciva a battere il Pentapartito nelle urne e allora puntò sull’aiutino togato. Riascoltiamo il discoro di Craxi del 1992 alla Camera.

Il tema però è sempre il solito: il finanziamento dei partiti.
Ma mi faccia capire: abolito il finanziamento pubblico, come si devono finanziare i partiti?

Secondo Stefano Parisi?
Con un finanziamento privato trasparente e tracciato. Se sono un imprenditore che vuole contrastare un ministro dello Sviluppo economico come Patuanelli, un personaggio contro il profitto, contro le imprese e che vuole tornare addirittura all’Iri come faccio? Finanzio chi condivide le mie istanze. La Cdu della Merkel è finanziata dalla Fondazione Adenauer. Sono attività legittime, con dei bonifici. Non con soldi dati dentro una valigetta nascosta sotto il cappotto.

Cosa succederà ora?
Dopo l’indagine di Firenze? Difficile che ci saranno altri finanziatori, saranno tutti intimiditi, con la paura che gli vengano sequestrati i pc e i telefonini. A tal proposito avrei io una domanda da fare?

Prego.
Vorrei capire perché l’unico partito su cui non si fanno indagini è il M5s.  Dove prende i soldi Casaleggio? Che differenza c’è fra la Fondazione Open di Renzi e la piattaforma Rousseau della Casaleggio&Associati?

Loro sono un “movimento” e non un partito.
È un escamotage. Loro si sono sottratti al controllo perché non hanno mai registrato il M5s, chiamandolo appunto movimento e non partito. La Costituzione prevede i partiti. Altro che trasparenza ed onestà tanto decantata.

Torniamo sempre al punto di partenza: una politica debole e incapace di reagire.
Tutti i partiti hanno votato per la riduzione dei parlamentati, per la creazione dell’Anac e la Spazzacorrotti.

Motivo?
Sperano di fregare l’altro e sentono la pressione mediatico-giudiziaria.

Come vede il futuro?
Dominato da sovranisti, populisti e ignoranti che fanno le proposte di matrimonio in Parlamento.

Qualcuno, però, di questa situazione avrà pure giovamento?
I burocrati.

Può spiegarci perché?
Il sistema dei burocrati vuole che la politica sia disintegrata. Più è composta di ignoranti, incivili ed incapaci più la burocrazia è potente.