Un libro “fresco” di stampa, “Ricordati che devi ridere” (“Lepre Edizioni”), con i corsivi di Enrico Caria e le vignette di Stefano Disegni, sarà presentato per la prima volta in Campania, mercoledì 28 luglio alle ore 18.30 alla libreria “IoCiSto” di Napoli. Con gli autori interverranno l’attrice Rosalia Porcaro e la giornalista Désirée Klain. Durante l’incontro Caria proporrà un inedito “cantato” dei suoi scritti, intitolato “Don Raffaè Reloaded”, che partendo dal capolavoro di De Andrè, arriva corrosivo sui recenti fatti di cronaca, con un riso amaro e di denuncia sugli abusi del carcere di Santa Maria Capua Vetere. “Mi cercavano le mascherine/ il gel – recita il brano – il sapone, ma chi è che cell’hà? Nelle celle che stanno in 21/ c’è sempre qualcuno ca nu’ ce vo sta’, se volevano stare da soli/ non dovevano fare i mariuoli, che affiliandosi a un clan di camorra/ coi tempi che corra, si sta da pascià”.

Mettere insieme gli scritti satirici di Caria, che affligge i lettori de Il Manifesto con ilColonnino infame di Alias e le vignette al vetriolo con le quali Disegni punisce i suoi fan sui social, è operazione non esente da effetti collaterali. Specie per i soggetti fragili e/o con patologie pregresse. La miscela infatti, testata su un target ristretto di musoni volontari, ha purtroppo fatto rilevare una serie di eventi avversi, quali coliti da riso a crepapelle, logorrea da buon umore, crampi alle mascelle e insonnia da euforia grave. E con la somministrazione delle prime bozze si sono registrati alcuni rari casi di morti dal ridere. Sia come sia, il rapporto costi-benefici resta più che positivo: già a una prima dose di pagine, infatti, nel lettore si sviluppano gli anticorpi contro la noia da lockdown, ansia per il futuro e disgusto per la politica; anticorpi grandi come le balle di Salvini, resistenti come la colla sulla poltrona di Di Maio e pronti a colpire a tradimento come Matteo Renzi.

Enrico Caria, umorista per La Repubblica, Il Fatto, Cuore,Il Manifesto, Le Iene, sceneggiatore e regista di cinema: tra i suoi film Blek Giek(Cattleya) con Lillo & Greg; L’uomo che non cambiò la storia (Istituto Luce), selezione ufficiale 73^ Mostra Cinema di Venezia e Globo d’Oro; Think Big(cortometraggio Anac-Anica), 74^ Mostra Cinema di Venezia. Ha pubblicato romanzi per i tipi di Feltrinelli, Rizzoli, Fanucci e per la tedesca Piper Verlag.

Stefano Disegni, disegnatore, scrittore e autore tv, vincitore per tre volte del Premio Satira di Forte dei Marmi, ha collaborato con le maggiori testate nazionali e con programmi televisivi di successo. Pubblica strip sul Fatto Quotidiano, su Settee su Ciak diventate un appuntamento atteso per i lettori. Ha al suo attivo anche numerosi libri, scritti e disegnati. Creatore dello Scrondo, scorrettissimo personaggio televisivo. Visibili molte sue produzioni video su YouTube.