Prova a sguazzare nella lotta tra Movimento 5 Stelle e gli scissionisti, ben 36, espulsi dopo aver votato no alla fiducia al governo Draghi. Gianluigi Paragone, senatore del gruppo Misto e, dopo la cacciata dai grillini, fondatore di No Europa per l Italia – Italexit con Paragone, si dà al gossip e prova ad aizzare gli animi in casa Di Maio.

Il ministero degli Esteri, impegnato in questi giorni, non senza qualche polemica, sulla delicata vicenda dell’uccisione in Congo dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, viene attaccato quasi gratuitamente dal suo ex collega di partito.

“Niente da prendere troppo sul serio, per carità – scrive Paragone sul suo sito – ma fa comunque sorridere l’idea che mentre Luigi guida l’esercito dei grillini rinnegati (…), la compagna Virginia Saba lavori per quella Emanuela Corda che, di contro, ha deciso di dire no al governo Draghi, finendo così tra gli epurati”.

Paragone sembra quasi divertirsi a stuzzicare la coppia dimenticando che esiste anche una vita professionale che in molti casi può portare a prendere strade diverse La giornalista Virginia Saba lavora da tempo con Emanuela Corda e continuerà a lavorarci anche ora che non fa più parte del Movimento 5 Stelle.

Ma l’inciucio di Paragone non si ferma. L’ex grillino sembra quasi sussurrare un altro particolare fondamentale per la vita politica del Paese: “Si dice che sia stata proprio quest’ultima (Emanuela Corda, ndr) a presentare l’attuale ministro degli Esteri alla propria assistente”.

Non ancora domo, Paragone lascia addirittura aperti gli scenari a una possibile nuova serie, magari da proporre a Netflix o Amazon: “Non resta che chiedersi, con un pizzico di sarcasmo, cosa succederà ora: Virginia, fidanzata di Luigi, continuerà a lavorare per la dissidente Emanuela, che nel frattempo ha iniziato una serie di dichiarazioni al veleno contro il partito del ministro-fidanzato Di Maio? La trama, col passare dei giorni, si fa sempre meno prevedibile“.

Rivelazioni che farebbero invidia ai principali protagonisti del mondo del gossip nostrano e che provocano l’immediata reazione della stessa deputata Emanuela Corda: “Virginia Saba lavora nella segreteria della commissione che presiedo e il suo rapporto di lavoro con me, non c’entra nulla con le sue questioni personali”.

Redazione