L’ex allenatore della Roma Luis Enrique torna a ricoprire il ruolo di Commissario Tecnico della nazionale spagnola che aveva abbandonato lo scorso giugno per stare accanto alla figlia. La piccola, Xana di 9 anni, si era gravemente ammalata di un tumore osseo e dopo 5 mesi di battaglia era deceduta lo scorso 29 agosto.

IL CAMBIO – La guida della nazionale era stata presa dal vice, Roberto Moreno, che ha condotto la Spagna alla qualificazione ai prossimi Europei. Tutti pensavano che l’ex vice sarebbe stato confermato sulla panchina, ma a sorpresa, e a qualificazione raggiunta, il presidente federele Luis Rubiales ha deciso di far rientrare il tecnico asturiano. Il dirigente, infatti, ha sempre ritenuto la carica di Moreno un interim in attesa del ritorno di Luis Enrique, cosa che però ha generato tante polemiche.

Infatti il vice, preso il comando della nazionale senza molto credito, è riuscito a farsi apprezzare dai tifosi iberici, grazie agli ottimi risultati conseguiti. Anche le modalità di comunicazione non sono state apprezzate da Moreno cui il cambio è stato comunicato prima del match con la Romani. Al termine della partita, vinta 5-0, Moreno non si è presentato davanti alle telecamere. Anche i giocatori non hanno condiviso la scelta del presidente e hanno disertato gli incontri con la stampa. Secondo il popolare quotidiano sportivo Marca, Moreno ha salutato in lacrime i giocatori all’interno degli spogliatoi.

L’ANNUNCIO – “Luis Enrique torna sulla panchina della Spagna“. Così Luis Rubiales ha respinto tutte le critiche per l’avvicendamento con Roberto Moreno. “Questo progetto nasce con Luis Enrique, fino a Qatar 2022, e da subito avevamo detto che le porte per un ritorno erano aperte. Siamo stati trasparenti e leali, con tutti“.