“Il nome è Brian Warner. Ha cominciato ad adescarmi che ero ancora teenager e per anni ha orrendamente abusato di me”. Con queste parole l’attrice Evan Rachel Wood giorni fa su Instagram denunciò di aver subito molestie sessuali da parte di Merilyn Manson, alias appunto di Brian Warner. Così lo sceriffo della contea di Los Angeles ha aperto un fascicolo per vederci chiaro sulla vicenda.

Le pesanti accuse social dell’attrice con cui ha avuto una relazione a partire dal 2007 al 2010, iniziata quando aveva 19 anni, sono immediatamente costate al cantante: la sua etichetta discografica lo ha infatti subito mollato. Ora le indagini ufficiali.

L’attrice ha rivelato contemporaneamente sui social e in un’intervista a Variety che il cantante l’ha “adescata quando ero un’adolescente e ha mostruosamente abusato di me per anni. Mi ha fatto il lavaggio del cervello, mi ha manipolata per sottomettermi a lui”. L’attrice della serie tv Westworld ha aggiunto quindi di “accusare quest’uomo pericoloso e l’industria che l’ha sempre difeso e protetto, prima che possa rovinare altre vite. Sono dalla parte delle vittime che non vogliono più restare in silenzio”.

Secondo quanto dichiarato dalle autorità si indaga in particolare su episodi avvenuti tra il 2009 e 2011 quando il cantante viveva a West West Hollywood. Anche la senatrice della California Susan Rubio ha chiesto all’FBI di indagare sulle accuse.

Una vicenda tutta da chiarire. L’attrice, che iniziò la relazione con Manson quando quest’ultimo aveva 36 anni, disse nel 2016 di esser stata stuprata “da un ragazzo con cui stavo e, ancora, in un’altra occasione dal padrone di un bar. La prima volta non ero sicura che fosse stupro, dal momento che si trattava del mio partner e l’ho capito troppo tardi. E chi mi avrebbe creduto? La seconda volta ho pensato che fosse colpa mia, che avrei dovuto lottare di più, ma ho avuto paura”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Evan Rachel Wood (@evanrachelwood)

Ma il cantante, oggi 52enne, ha risposto su Instagram alle accuse, negandole fermamente: “Naturalmente la mia arte e la mia vita sono state a lungo oggetto di controversia, ma queste recenti affermazioni su di me sono orribili distorsioni della realtà. Le mie relazioni intime sono sempre state del tutto consensuali con partner che la pensano allo stesso modo. Indipendentemente da come e perché altri scelgono di travisare il passato, questa è la verità”, ha scritto in un post su Instagram.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marilyn Manson (@marilynmanson)