È in formazione sull’Italia un ciclone dalle caratteristiche sub-tropicali. Il tempo è migliorato al nord nel pomeriggio per poi peggiorare al centro e in serata nel Meridione. Al Centro piogge e nevicate anche sopra i 1000 metri. Il crollo delle temperature interesserà diverse regioni. Nelle prossime ore è previsto un forte peggioramento soprattutto nelle Regioni del Sud, come scrive ilmeteo.it. Torna perfino la neve sui comparti appenninici centro-meridionali localmente a quote relativamente basse per la stagione. I venti potranno provocare vere e proprie bufere.

In serata infatti la situazione è in ulteriore peggioramento. La depressione mediterranea è in approfondimento sul Medio-Tirreno. Le precipitazioni si intensificano sempre di più mentre il fronte freddo scende gradualmente di latitudine. Forte maltempo soprattutto tra Abruzzo, Molise. Abbondanti precipitazioni anche in Campania, in particolare nell’avellinese. Fenomeni violenti sono previsti tra Campania, appunto, Basilicata e Puglia Ionica. Rischio di nubifragi e alluvioni lampo.

Il vortice quindi tra la sera e la notte scenderà sempre più verso sud. Un ciclone mediterraneo dalle caratteristiche sub-tropicali potrebbe verificarsi nel canale di Sicilia. Precipitazioni abbondanti su Lazio e Campania e peggioramenti sull’Appennino Meridionale e sulla Basilicata ionica. I modelli previsionali prevedono in Calabria precipitazioni di circa 200 mm nell’arco di poche ore.

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso per la giornata di venerdì 20 Novembre un’allerta arancione su tutto l’Abruzzo ed il Molise, sui settori centro-settentrionali della Campania e sulle aree garganiche della Puglia. Allerta gialla inoltre su Lazio, Calabria, Marche, Umbria, Basilicata, sui settori orientali della Sardegna e sulle restanti parti di Campania e Puglia. Domani, sabato 21 Novembre, emanata un’allerta rossa, per il versante ionico calabrese centro-settentrionale, arancione su Campania, Basilicata e Puglia.