Residenti che segnalano una stesa, almeno quattro-cinque colpi d’arma da fuoco sentiti nitidamente ed esplosi da ignoti a bordo di uno scooter nei pressi di una sala giochi. I carabinieri che, allertati, vanno sul posto più di una volta, ispezionano la zona, provano a raccogliere testimonianze, verificano se sull’asfalto, bagnato dalla pioggia, sono presenti bossoli ma alla fine non rilevano nulla, riscontrando anche la totale omertà dei presenti.

E’ quanto accaduto poco dopo le 20 di venerdì sera, 26 novembre, a Pianura, periferia ovest di Napoli, nella zona delle case popolari di via Evangelista Torricelli. Una segnalazione di colpi d’arma da fuoco caduta nel vuoto o probabilmente coperta da chi non ha avuto il coraggio di esporsi, farsi avanti e raccontare quello che era accaduto poco prima.

I carabinieri della stazione di Pianura hanno attraversato in auto più volte l’area indicata dove erano stati uditi degli spari. Hanno suonato anche la sirena. Hanno chiesto alla persone presenti in due sale biliardo qualche riscontro. Niente. Nessuno ha visto o sentito nulla. Bossoli a terra non sono stati rinvenuti.

Eppure era partito il tam tam sui social o nelle chat di messaggistica instantanea da più di qualche abitante delle case popolari, ex fortino in passato del clan Pesce-Marfella. “Hanno sparato” riferendo che la stesa era avvenuta nei pressi di un circolo e non poco distante dall’abitazione di un pregiudicato vicino al gruppo Calone-Esposito che da qualche tempo è in contrasto con i Perfetto-Carillo (che tra l’altro insistono nella stessa zona) per la gestione degli affari illeciti nel quartiere napoletano.

Ulteriori accertamenti verranno effettuati dai militari dell’Arma nelle prossime ore ma al momento quello che inquieta è la totale assenza di collaborazione con le forze dell’ordine, spesso bistrattate e accusate di non presidiare il territorio.

AGGIORNAMENTO 27 NOVEMBRE:

Ieri sera gli agenti del Commissariato Pianura, in via Provinciale Napoli hanno notato un giovane a bordo di uno scooter che, con fare circospetto, osservava le stradine adiacenti in cerca di qualcosa.
I poliziotti lo hanno controllato e trovato in possesso di una pistola priva di matricola con 4 cartucce calibro 6,35 e un silenziatore.
Luca Battista, 23enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per porto illegale di arma clandestina e ricettazione nonché denunciato per guida senza patente perché mai conseguita; infine, lo scooter è stato sottoposto a sequestro.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.