Principio di incendio nella notte al Palazzo Reale di Napoli. I vigili del fuoco sono intervenuti nella notte, intorno alle 2, per domare le fiamme che stavano iniziando a divampare in un locale tecnico al quarto piano del palazzo. Secondo la ricostruzione degli agenti intervenuti sul posto, ad essere interessato è stato un “gruppo di continuità”, un’apparecchiatura elettrica utilizzata per ovviare a repentine anomalie nella fornitura di elettricità normalmente utilizzata, per via di un corto circuito.

I danni sono stati limitati al locale in cui è divampato l’incendio, senza che questo interessasse altri spazi. In una sala non lontana – fortunatamente non interessata in alcun modo sia dalle fiamme che dal fumo – sono esposti i “papiri ercolanesi”. Sono comunque ancora in corso le valutazioni tecniche da parte degli esperti.

“I pochi passaggi di pubblico di questi mesi, causa Covid, non hanno agevolato rispetto ad un controllo e ad una manutenzione più costante”, fanno sapere dal comando dei vigli, allertati da una pattuglia dei Carabinieri della compagnia Napoli Centro, che avevano notato il fumo provenire dai tetti del Palazzo in Piazza Plebiscito.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.