La psicosi del coronavirus, dopo i due casi accertati la scorsa sera a Roma con la positività ai test di due turisti cinesi, si diffonde sui social. Un allarme tale da spingere ad intervenire con una nota ufficiale la direzione sanitaria del Policlinico Umberto I di Roma.

Da ieri infatti si è diffuso in maniera capillare un audio su WhatsApp in cui una sedicente infermiera del Policlinico Umberto I di Roma parla di 27 casi sospetti di infezione da coronavirus. “La direzione sanitaria smentisce tassativamente. All’Umberto I sono stati registrati solo 2 casi sospetti, dichiarati negativi dopo gli accertamenti eseguiti dallo Spallanzani“, si legge nella nota che smentisce la fake news.

In un momento come questo in cui l’Oms ha dichiarato l’emergenza globale per la salute dei cittadini, è gravissimo e da irresponsabili diffondere fake news che generano un ingiustificato allarme sociale – sottolinea l’Umberto I – La direzione aziendale ha già provveduto a sporgere denuncia alle autorità competenti affinché siano individuarti i responsabili“.