Era seduta su un muretto a pochi centimetri dai binari quando è stata travolta da un treno, che procedeva a una velocità di 100 chilometro orari, forse perché distratta dalla cuffiette che aveva per sentire la musica.

E’ morta così una ragazzina di 16 anni di Cassano delle Murge (Bari) mentre si trovava sabato sera, 23 ottobre, a una cinquantina di metri dalla stazione di Acquaviva delle Fonti, sempre in provincia del capoluogo pugliese, nei pressi dei binari, una zona inspiegabilmente frequentata dai ragazzi che passano intere serate a pochi passi dal passaggio dei treni. Intorno alle 21 la giovane vittima è stata travolta dall’Intercity partito da Lecce e diretto a Milano.

“Un paio d’ore prima che avvenisse il terribile incidente- dice Davide Carlucci, sindaco di Acquaviva -, ho personalmente accompagnato gli agenti di Polizia locale in un giro di controllo in stazione durante il quale, dopo aver provato a dialogare con alcuni dei ragazzi che frequentano quel posto per capirne le ragioni, li abbiamo invitati a trascorrere il loro tempo in altri luoghi più sicuri della città. Non è certo la prima volta che ci ritroviamo a occuparci dei problemi di sicurezza che si presentano lungo la linea ferroviaria. Ora, però, è successo l’irreparabile. La nostra comunità si stringe intorno ai familiari e agli amici della vittima”.

La ricostruzione della dinamica da parte di Polizia ferroviaria e carabinieri, che hanno ascoltato anche altre persone presenti, ha già chiarito che si sarebbe trattato di un tragico incidente. Alcuni testimoni, coetanei della vittima, sono stati ascoltati fino a tarda ora e avrebbero confermato l’ipotesi della fatalità. La 16enne è stata travolta dal treno, sbattendo violentemente contro una carrozza. Nelle prossime ore il medico legale Biagio Solarino effettuerà l’esame esterno cadaverico nel Policlinico di Bari. Il pm di turno, Manfredi Dini Ciacci, potrebbe non disporre l’esame autoptico perché la dinamica della tragedia è chiara e non si ipotizzano responsabilità.

 

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.