Il meteo più clemente nelle ultime ore ha reso la situazione italiana meno complicata. Su richiesta della ministra De Micheli la viabilità del tratto autostradale A26 è stata riaperta alle ore 10.30, una corsia per ogni senso di marcia. La decisione è stata presa durante la riunione tra la ministra e i vertici Aspi ancora in corso, convocata d’urgenza ieri sera.

Intanto il sindaco di Genova Marco Bucci ha disposto l’utilizzo gratuito dell’intera rete urbana di trasporto pubblico Amt (metropolitana, autobus, ascensori e funicolari, navebus, con la sola eccezione del servizio commerciale volabus) da stamani fino alla cessazione dell’emergenza per evitare la paralisi cittadina.

“Voglio una tasK force, voglio un tavolo che si riunisca a Genova, voglio ministri che vengano a Genova, stanziamenti straordinari di miliardi per questa regione e uno scudo legislativo che ci consenta di agire e tranquillizzare i cittadini ma soprattutto mettere in sicurezza l’asset più importante della logistica di questo Paese cioè i 4 porti della Liguria. E lo voglio oggi pomeriggio”. Lo ha detto il governatore Giovanni Toti oggi commentando lo status quo relativo alla decisione di Aspi di chiudere l’A26.

“Per un anno 4 mesi non si è fatto assolutamente niente. Penso che Aspi in questo tempo avrebbe dovuto lastricare d’oro quei viadotti perchè ne aveva il tempo e le possibilità e non aspettare a muoversi quando la procura glielo ha chiesto. Oggi dobbiamo rassicurare i cittadini da una psicosi che si sta diffondendo e sta bloccando completamente questo Paese”. Lo ha detto il governatore Ligure Giovanni Toti prima della giunta straordinaria convocata sulla questione A26. “D’altra parte vorrei sapere per quale ragione oggi ho letto due tweet dal Mit e nulla più mentre noi abbiamo scritto nel corso dell’ultimo mese ripetute lettere a cui nessuno si è degnato di dare una risposta”.