Il Movimento 5 Stelle si candiderà alle elezioni regionali del prossimo 26 gennaio in Emilia Romagna e Calabria. Lo hanno deciso gli iscritti, tramite il voto sulla piattaforma Rousseau, scegliendo di non osservare la ‘pausa elettorale‘. Dalle 8 alle 20 di oggi, si legge sul ‘Blog delle stelle’, “sono state espresse 27.273 preferenze su un totale di 125.018 aventi diritto al voto”, dunque con un’affluenza decisamente bassa rispetto alle ultime consultazioni. Al quesito “Vuoi che il MoVimento 5 Stelle osservi una pausa elettorale fino a marzo per preparare gli Stati Generali evitando di partecipare alle elezioni di gennaio in Emilia-Romagna e Calabria?“, hanno risposto “sì” 8.025 iscritti (29,4%), mentre i “no” sono stati più del doppio: 19.248 (70,6%). “L’esito della votazione – avvisa il ‘Bds’ – è stata certificata dal notaio, che ne ha garantito la regolarità” e “i risultati saranno depositati presso due notai”

In attesa dell’esito della piattaforma, nel pomeriggio si sono vissuti alcuni momenti di tensione all’interno del partito pentastellato. “Non ho capito perché da 10 anni a questa parte se il Movimento decide in rete si parla di spaccatura. Ci poteva essere se avessi deciso da solo, ma sono gli iscritti che si stanno esprimendo. Se ci sono 500 persone che dal territorio vogliono presentarsi alle elezioni regionali, voteranno no” aveva dichiarato il ministro degli Esteri e capo politico M5S, Luigi Di Maio, in una conferenza stampa al Senato sul dl Clima, rispondendo a una domanda sulle votazioni indette sulla piattaforma Rousseau per scegliere se presentare le liste pentastellate alle elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna. “Riconosciamo che c’è un momento di difficoltà, che dopo 18 mesi al governo e 10 anni nelle istituzioni, abbiamo bisogno di definire nuovi obiettivi e una nuova organizzazione, ma per riuscirci bisogna dedicare tutte le nostre energie”, aggiunge.

“A questo post abbiamo lavorato io, Beppe Grillo, Davide Casaleggio e tutti quelli che hanno sulle spalle le responsabilità del Movimento”. ha poi aggiunto Di Maio facendo riferimento alla scelta di chiedere al voto degli iscritti, tramite la piattaforma Rousseau, se il Movimento deve correre alle elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria.

LEGGI ANCHE – Movimento 5 Stelle nel caos dopo il voto su Rousseau per le regionali: “E’ una porcheria”