I patrioti amici di Orbàn o la ‘forza tranquilla’ e democratica dei partiti che vogliono un’Italia moderna ed europeista. I fan del muro anti migranti e i promotori del filo spinato o credibilità e serietà. La signora nera che i media spagnoli considerano più a destra di Vox oppure chi lotta per gli ultimi. Chi vuole opprimere le diversità o chi crede nel merito e nell’inclusione.
Sono le due diverse foto che potremmo ritrovarci su tutti i giornali all’alba del 26 settembre prossimo.

Da ieri è in piedi la lista che si ispira ai valori e alla famiglia del socialismo europeo: il gruppo dirigente del Psi ha approvato la scelta di costruire una lista Pd, Psi, Art.1 e Demos, proposta da Enrico Letta. “ll risultato elettorale non è affatto scontato. Impiegheremo le prossime settimane per una campagna elettorale appassionata”- ha detto il segretario del Psi Enzo Maraio. Per Enrico Letta “la formalizzazione della lista è una buona notizia per chi crede che il 25 settembredobbiamo e possiamo vincere. Insieme per dare al nostro Paese un futuro migliore”