Uccide la moglie e la figlia, poi si toglie la vita. Questa la pista investigativa dietro la tragedia di Orvieto, in provincia di Terni, dove un’intera famiglia è stata trovata morta giovedì mattina in una casa del centro storico. Padre, madre e figlia sono stati rinvenuti privi di vita in tre stanze diverse. Accanto al corpo dell’uomo è stato trovato un fucile, circostanza questa che spinge i carabinieri e la Procura di Terni a prediligere la pista dell’omicidio-suicidio. L’uomo avrebbe ucciso le due donne per poi togliersi la vita.

A lanciare l’allarme la segnalazione fatta dai parenti, preoccupati perché non riuscivano a contattare i loro familiari. L’uomo, Carlo Carletti, un 66enne del posto, presumibilmente utilizzando un fucile da caccia regolarmente detenuto, avrebbe fatto fuoco sulla moglie Rosalba Politi, 67enne, e sulla figlia Cinzia, 35enne, per poi rivolgere l’arma contro se stesso e togliersi la vita. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei carabinieri per verificare la dinamica dei fatti e quindi avvalorare l’ipotesi del duplice omicidio suicidio, e anche per accertarne le cause. L’arma rinvenuta e le salme sono a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’indagine dovrà ora in particolare cercare di risalire al movente che ha spinto l’uomo a compiere il tragico gesto.