Un nuovo lutto colpisce la famiglia di Ciro Esposito, giovane napoletano ucciso a Roma poco prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina-Napoli del maggio 2014 (per la sua morte è stato condannato a 16 anni l’ultrà romanista Daniele De Santis, ndr).

Poco dopo l’alba di Ferragosto infatti in un grave incidente stradale avvenuto a Ca’ Noghera, in provincia di Venezia, ha perso la vita Barbara Palumbo, cugina di Antonella Leardi, mamma del giovane ucciso a Roma. Lo scontro ha coinvolto l’auto sulla quale viaggiavano anche il marito e i due figli, entrambi minorenni, e un furgone. La 35enne è deceduta mentre marito e figli sono stati trasportati all’ospedale di Mestre. Tutta la famiglia colpita nell’impatto arrivava dal Lazio e si trovava in Veneto per trascorrere le vacanze nell’alto Adriatico.

La donna, che da tempo si era trasferita con la famiglia ad Albano Laziale (Roma), è stata ricorda sui social dall’”Associazione Ciro Vive”: “Ancora una volta la famiglia Esposito è messa a dura prova, di nuovo un lutto li colpisce! La morte prematura stamane di #BarbaraPalumbo lascia un grande vuoto e un dolore enorme…. La terra ti sia lieve…veglia ora sui tuoi figli, su tuo marito, tuo padre e tua sorella. Noi ci stringiamo intorno alla famiglia Palumbo sostenendoli nel loro dolore immenso. Ci mancherai sorella, ti vogliamo bene. Abbi pace e abbraccia Ciro”.