É di 2 morti e diversi feriti, almeno una decina di cui quattro gravi, il bilancio provvisorio delle vittime della tromba d’aria avvenuta sull’isola siciliana di Pantelleria. La tromba d’aria si è abbattuta intorno alle 18 nella zona che va tra Campobello e Cala Cinque Denti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco, oltre a personale del 118 e protezione civile. Colpite diverse autovetture con le vittime che sono state scaraventate all’esterno.

Tra le vittime – secondo le prime informazioni – anche un vigile del fuoco dell’isola che non era in servizio.  Si tratta di Giovanni Errera, 47 anni. L’altra vittima è un pensionato di 86 anni, Francesco Valenza. Viaggiavano a bordo delle loro auto, sulla strada che porta al lago di Venere, quando sono stati investiti dalla tromba d’aria.

I soccorsi sono resi difficili dalle delicate condizioni climatiche che rendono impossibile al momento trasferire, in elicottero, i quattro feriti in gravi condizioni negli ospedali di Palermo. Il primo trasferimento dovrebbe avvenire non appena le condizioni meteo consentiranno di fare alzare l’elisoccorso in sicurezza. “Pali divelti, tetti danneggiati e alberi abbattuti” fanno sapere i vigili del fuoco impegnati nei soccorsi.

Ci sono anche quattro feriti gravi a Pantelleria, dove la tromba d’aria che ha investito l’isola ha provocato due morti. La circostanza è riferita dal dipartimento regionale di Protezione civile.  “Quello che si è presentata ai nostri occhi è stata una scena apocalittica“. E’ quanto racconta un soccorritore del 118 intervenuto stasera in contrada Campobello. I soccorritori stanno ancora intervenendo sul posto alla ricerca di eventuali dispersi. La tromba d’aria è arrivata dal mare e in pochi secondi ha trascinato in un vortice case e auto che stavano percorrendo la strada perimetrale dell’isola.

“Un vero disastro, un evento inaspettato” sono le prime parole all’Agenzia Italpress del sindaco di Vincenzo Campo. “Proseguono le ricerche da parte dei carabinieri visto che la zona e’ abbastanza vasta – dice – ma sono rese difficili dall’arrivo dell’oscurità”. Il primo cittadino haproclamato il lutto cittadino per domani, sabato 11 settembre.

“Sono vicino alle famiglie delle vittime. La tromba d’aria che e’ si abbattuta su Pantelleria ha purtroppo provocato due morti, diversi feriti e moltissimi danni. Prego Iddio che il bilancio non si aggravi e sono vicino alle famiglie cosi’ improvvisamente colpite negli affetti più cari”. E’ quanto afferma il presidente della Regione, Nello Musumeci che si mantiene “in costante contatto con il direttore della Protezione civile regionale, che si è già attivata”.

seguono aggiornamenti

Napoletano doc (ma con origini australiane e sannnite), sono un aspirante giornalista: mi occupo principalmente di cronaca, sport e salute.