Ieri il ritrovamento del corpo fatto a pezzi, in un lago di sangue nella vasca di bagno. Nella notte la rapida svolta dell’inchiesta, con un fermo per omicidio volontario, vilipendio e occultamento di cadavere.

Sono queste le accuse nei confronti di Rosa Fabbiano, la 58enne figlia di Lucia Cipriano, pensionata di 84 anni che ieri è stata trovata morta nella vasca da bagno del suo appartamento a Melzo, in provincia di Milano. Il corpo fatto a pezzi dell’anziana, di origini pugliesi, è stato rinvenuto giovedì mattina nell’appartamento di via Boves, 10 dove abitava da anni.

A far scattare l’allarme era stata l’altra figlia della vittima, di 47 anni, che abita a Trento. Da oltre due mesi la donna non riusciva a mettersi in contatto con la madre, mentre la sorella maggiore, che abita Mediglia, a pochi chilometri da Melzo, le aveva detto che l’anziana era ricoverata in una Rsa.

Una spiegazione non convincente, tanto da spingerla a recarsi personalmente a Melzo per verificare. A quel punto la sorella maggiore le avrebbe detto di aver messo fine alle sofferenze della madre, che era malata da tempo.

Di fronte a quella che era apparsa una confessione, la donna si è recata dai carabinieri e assieme ai militari è entrata nell’appartamento dell’anziana madre, dove ha trovato il corpo senza vita, decapitato e fatto a pezzi nella vasca da bagno, probabilmente con una sega poi trovata in casa e sequestrata dalle forze dell’ordine.

Il pm Elisa Calandrucci, titolare del caso, ha interrogato a lungo le due figlie: Lucia Cipiriano si è avvalsa della facoltà di non rispondere ma nella notte è scattato il fermo.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.