L’Ordine degli Architetti di Napoli scommette sui giovani e lancia Call IOU (dove IOU è acronimo di Interior, Outdoor e Urban), il progetto del Dipartimento Politiche Giovanili e Professionisti Junior che punta a creare nuove opportunità di lavoro e visibilità per architetti e designer under 35.

Lo fa attraverso un format innovativo che mette al centro 15 giovani selezionati tra coloro che hanno riposto alla call pubblicata dall’Ordine presentando una propria idea di progettazione in una delle tre macroaree in cui è diviso il progetto e cioè:

Interior/ dal design d’interni a oggetti, fino alla progettazione di interfacce digitali
Outdoor/ dal design di esterni a oggetti, fino alla progettazione di interfacce digitali
Urban/ per una nuova visione della città

Gli architetti under 35 scelti avranno la possibilità di raccontarsi e di presentare i propri lavori attraverso videointerviste che apriranno tre convegni tematici che culmineranno in tre Lectio Magistralis (una per ogni macroarea) a cura di archistar di fama internazionale e che avranno come Concept generale “MEGACITIES? GAME OVER: negli interni, negli spazi outdoor, in città”.

Le Lectio Magistralis sono coordinate, curate e organizzate dalla Rivista Interni Magazine, Media Partner di Call IOU.

L’obiettivo è dare spazio ai giovani e alla loro creatività, credere nelle nuove generazioni e dare loro la visibilità che meritano attraverso il ragionamento e il confronto sulle innovazioni in tema di qualità architettonica contemporanea, del suo rapporto con il paesaggio, il design, il recupero e la riqualificazione. Gli under 35, infatti, presenteranno se stessi e le proprie opere ad architetti e designer, istituzioni, stakeholder ed esperti di comunicazione, affinché si aprano per loro le porte di Studi di progettazione e aziende di rilievo internazionale.

Il primo appuntamento, “Abitare Reloaded”, è in programma venerdì 16 ottobre alle ore 17 in webinar con la Lectio Magistralis di Luca Nichetto di Nichetto Studio da Stoccolma. Modera Patrizia Catalano, giornalista di Interni Magazine. I saluti istituzionali sono affidati a Leonardo Di Mauro, Presidente dell’Ordine degli Architetti di Napoli. Interviene il responsabile del progetto Aniello Tirelli, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Napoli.

“Con il progetto – spiega Aniello Tirelli, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Napoli e responsabile di Call IOU – intendiamo porre l’accento su due aspetti che riteniamo fondamentali: il primo è che c’è bisogno di una nuova visione della città e del territorio, sia che si tratti di luoghi pubblici che privati. La pandemia legata al Covid-19 ha sicuramente accelerato la necessità di una trasformazione radicale degli spazi urbani. L’altro aspetto è far capire che c’è un parterre di giovani professionisti che ha tutte le carte in regola per compiere questa trasformazione. Non solo sono capaci e preparati dal punto di vista tecnico, ma anche dotati della giusta sensibilità, propria della nostra professione, per prestare attenzione agli aspetti umani e sociali tipici dell’impatto che tali trasformazioni generano sul territorio. L’obiettivo finale è che Call IOU possa generare meccanismi virtuosi anche sul piano occupazionale.”

I selezionati hanno un’età media di 30 anni, il più giovane ne ha 22. Sono stati selezionati tra un totale di 30 partecipanti, tutti iscritti all’Ordine. La sezione che ha riscosso più successo è Interior che ha avuto il 40% di adesioni.

Le videointerviste, in particolare, a cura della Designer Giovanna Talocci, sono state realizzate in aree metropolitane, presso aziende del settore. Quelle relative alla macro categoria “Urban” sono state effettuate in luoghi aperti al pubblico, piazze e luoghi fortemente aggregativi, con la presenza di addetti ai lavori ma anche di appassionati e curiosi, per portare il progetto di architettura fuori dagli spazi normalmente deputati ad esso.

Lo scopo non è stato solo quello di divulgare i propri lavori ma anche di acquisire le tecniche di marketing e di promozione personale grazie ad un backstage formativo effettuato durante le riprese video a cui hanno preso parte anche studenti universitari per un tirocinio formativo in Comunicazione.

Call IOU proseguirà il 12 novembre, alle ore 17 con il convegno in webinar “Living in outdoor”, che avrà come protagonista Enrico Fratesi di Gam Fratesi da Copenaghen. L’appuntamento finale è per il 5 dicembre alle ore 12 con la Lectio “Resilienza Urbana” a cura di Alessandro Melis di Heliopolis 21 Architetti Associati da Portsmouth, nel Regno Unito, in webinar e presso Arkeda, la mostra convegno dell’architettura, edilizia, design e arredo in programma alla Mostra d’Oltremare di Napoli.

Il Progetto “Call IOU” ha i patrocini istituzionali di Unione Industriale Napoli_Sezione Giovani, Acen, Ance, Comune di Napoli Assessorato Politiche Giovanili, Confapi Napoli.