Ha vagato in cerca di aiuto per 23 chilometri, il 13enne che è scampato all’attacco contro un gruppo di mormoni statunitensi da parte di una gang del cartello della droga messicano in cui sono morti sei dei suoi fratelli e tre donne. Lo ha annunciato la famiglia. Oggi è stato arrestato un uomo sospettato di aver preso parte alla violenza. Otto bambini sono sopravvissuti alla strage di lunedì nel nord del Messico, nello stato di Sonora. Cinque dei minori hanno ferite d’arma da fuoco. Le vittime sono tutti componenti della famiglia LeBaron, legata alla comunità mormone che decenni fa si è stabilita nel nord del Messico.

Il ministero della Sicurezza messicano ha dichiarato che il gruppo potrebbe essere stato aggredito per un errore di identità. La famiglia, però, ha fatto sapere di essere stata oggetto di minacce per le dichiarazioni contro la violenza dei cartelli della droga. Nello stato di Sonora due gang rivali combattono per il controllo del traffico di droga, si tratta dei La Línea, collegati con il cartello di Juárez, e “Los Chapos”, parte del cartello di Sinaloa.

LEGGI ANCHE – Punto da manta mentre fa il bagno, ragazzino resta paralizzato

Il gruppo di tre donne con i loro 14 bambini viaggia insieme “per ragioni di sicurezza“, su tre auto da Bavispe verso lo stato di Chihuahua. Christina Langford Johnson è stata uccisa ma la sua bambina, Faith, è scampata al massacro dopo che la donna ha posizionato a terra il suo seggiolino e uscendo dall’auto, ha chiesto con le mani alzate di risparmiare la famiglia. La neonata è stata ritrovata 11 ore dopo nella vettura. Devin Langford, 13 anni, dopo l’omicidio della madre e di due fratelli, ha coperto i bambini sopravvissuti tra i cespugli e i rami e poi ha camminato per sei ore fino alla base della comunità a La Mora, ha scritto una parente, Kendra Lee Miller, su Facebook.

Una delle sorelle di Devin, McKenzie, nove anni, è andata a cercare aiuto dopo che il 13enne non aveva dato più notizie. È stata trovata dai soccorritori dopo quattro ore. Dopo che Devin ha dato l’allarme, i componenti della comunità avevano intenzione di recarsi armati sul luogo della sparatoria ma hanno deciso poi di aspetatre rinforzi “avendo capito di essere in pericolo perché si erano uditi spari per diverse ore nelle montagne attorno a La Mora“, ha scritto Miller. I sopravvissuti sono stati trasferiti in aereo a Phoenix negli Stati Uniti. Cinque delle vittime, la 30enne Maria Rhonita Miller i gemelli di otto mesi Titus e Tiana, il 12enne Howard Jr e Krystal, 10 anni, sono morti nell’esplosione dell’auto colpita da molti colpi di arma da fuoco.