Sulle spiagge romane c’è un nuovo bagnino. Si chiama Ettore e da quest’anno è il nuovo cane di salvataggio della Sics. Ha superato brillantemente tutte le prove e sopportato un addestramento fatto di bagni nel lago del Salto con temperature proibitive. Un vero Bay Watch a quattro zampe. Ma Ettorino (i suoi padroni lo chiamano così a dispetto dei suoi 50 e passa chili di stazza) è solo l’ultimo dei cani addestrati per salvare le persone in difficoltà in mare. Tra questi sicuramente c’è il labrador che ha effettuato il primo salvataggio in mare della stagione, per le unità cinofile della Scuola Italiana Cani Salvataggio. Giovedì 1 luglio, alle ore 12.30 una bambina di nove anni, A.B,  e il suo papà, G.B., di Roma, sono stati soccorsi sul litorale di Spinicci (Viterbo), all’altezza di Riva dei Taquini da Botch, golden retriever di 3 anni, e dalla sua conduttrice Sara.

SALVATA UNA BIMBA

La bambina era stata trascinata lontano dalla riva da una forte corrente ed era finita in una buca. Ad intervenire per primo il padre non appena si è accorto che sua figlia era in pericolo, mentre la mamma è corsa a chiedere aiuto alla postazione di sicurezza Sics, allestita presso il Camping Riva dei Tarquini, a circa 100 metri di distanza. 

L’INTERVENTO DI BOTCH E SARA

Botch e Sara sono intervenuti immediatamente, aiutati da un membro del personale del campeggio e hanno raggiunto la bimba e suo papà, anche lui in forte difficoltà a causa della corrente di ritorno, e li hanno riportati a riva. Un grande spavento per la famiglia romana che ha ringraziato con tante carezze l’angelo del mare a quattro zampe.

IN ACQUA 350 CANI

Al via la stagione con 350 unità cinofile in campo nel Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Sicilia, Calabria e Puglia. La stagione estiva per le Uc della Scuola Italiana Cani Salvataggio Centro Meridionale parte il prossimo week end con 350 unità cinofile in campo. Le sue task force speciali hanno come mission quella di garantire il massimo della sicurezza nel corso della stagione balneare, in ausilio e affiancamento ai presidi di sicurezza balneare tradizionali. L’Abruzzo e il Molise sono presidiate attraverso le postazioni di Ortona, Pescara e Montesilvano, Vasto, Ternoli; in Puglia la Sics è presente a Bari. Nel Lazio, con le postazioni di Pescia Romana, Montalto di Castro, Spinicci, Tarquinia, Ostia, Anzio, Nettuno e Sperlonga. Al Sud troviamo Palinuro in Campania, Soverato sul Mar Ionio in Calabria; Palermo, Catania e Giardini Naxos in Sicilia.

VITE SALVATE

Con una media di 33 vite umane salvate ogni anno, la SICS è la più antica e la più grande associazione al mondo operante in questo specifico settore cinofilo ed anche per questo è ritenuta il leader mondiale nella specialità del salvataggio nautico. Le Unità Cinofile Operative vengono addestrate ad operare in qualsiasi condizione meteo-marina e su ogni tipo di mezzo, dalla motovedetta, all’acquascooter, fino all’elicottero, dal quale possono anche lanciarsi direttamente in acqua per effettuare operazioni di salvataggio. La potenza di traino del cane, permette conduttore di effettuare interventi impossibili da realizzare per il solo bagnino, come ad esempio, trainare a riva fino a tre persone contemporaneamente. 

Franco Pasqualetti