Un cadavere, sull’arenile del lungomare di Balestrate, in provincia di Palermo. È stato ritrovato stamattina dopo le segnalazioni di alcuni passanti alla sala operativa della Capitaneria di Porto. Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia Costiera, i Carabinieri e la polizia municipale per i rilievi. In corso le indagini. Chiuso al traffico il lungomare Felice D’Anna.

Ancora da accertare identità e dettagli sul macabro ritrovamento. Proprio in quel tratto di mare, tuttavia, circa due settimane fa era scomparso un uomo. Si chiama Andrea Taormina, 50 anni, skipper di Capaci. L’uomo era scomparso un paio di settimane fa con la sua barca a vela. Stava compiendo una traversata tra San Vito Lo Capo e Balestrate. Non è mai arrivato a destinazione.

La scomparsa lo scorso 28 settembre. La compagna Dalila Violante lo attendeva al porto di Balestrate. “Vi prego, aiutatemi a trovarlo, sono la compagna di Andrea, sono disperata. Dovevamo sposarci a giugno. Aiutateci a far sì che continuino le ricerche e che magari mandino qualche robot sott’acqua”, questo l’appello di Dalila Violante, compagna del 50enne, a inizio ottobre. Nelle perlustrazioni a Castellammare del Golfo vennero ritrovati alcuni resti dell’imbarcazione.

Proprio in quel tratto il telefonino di Taormina aveva agganciato un ripetitore per l’ultima volta. Una delle ipotesi avanzata sulla scomparsa è quella dell’incendio a bordo dello scafo che avrebbe provocato l’inabissamento. Il Giornale di Sicilia riportava come non fosse neanche esclusa a priori l’ipotesi della fuga dell’uomo. Pista comunque priva di riscontri. Il fratello dello skipper Riccardo aveva lanciato un appello anche alla trasmissione su Rai3 Chi l’ha visto?.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.