Cara Deborah, cara Mara,

se fossi stata in Senato, avrei votato la mozione che istituisce la Commissione Segre. L’avrei votata per due motivi, il primo a fronte alta, il secondo con un po’ di rossore. Mi sarei alzata in piedi, avrei applaudito e magari abbracciato Liliana Segre, oltre che come simbolo della lotta all’antisemitismo, come donna che porta sul suo corpo l’ingiuria e la sofferenza, che lei  ha saputo trasformare in orgoglio e coraggio fin dentro l’Istituzione. Poi mi sarei guardata intorno, prima di votare, avrei immaginato quel tabellone splendente di lucine verdi, avrei immaginato il mio pallino rosso del dissenso o quello giallo dell’astensione e non avrei retto all’inevitabile gogna, ben preparata e orchestrata, che ne sarebbe seguita, se avessi osato discostarmi dal “politically correct” della lucina verde. Avrei votato “si” alla mozione, per sfinimento più che per astuzia. Vedete, voi e io sappiamo, a causa della nostra esperienza parlamentare, che queste commissioni “speciali” non servono a niente, che hanno tutte prima o poi dichiarato forfait – con la sola eccezione della bicamerale antimafia, che ha poteri requirenti -, che sono utili solo a dare visibilità e qualche posto lottizzato a un presidente, due vice, due segretari, con annesso personale e costi. Naturalmente Liliana Segre non ha bisogno di tutto ciò per esistere agli occhi del mondo, ma gli altri spesso sì. Prima di entrare nel merito della mozione, desidero raccontarvi un episodio della mia vita parlamentare di cui non vado fiera, un voto dato che oggi non darei più, un mio gesto di scarso coraggio di cui non finirò mai di pentirmi. Nel 1993, quando voi probabilmente eravate all’università e non esisteva ancora Forza Italia, ho votato per l’abolizione dell’immunità parlamentare. Grave errore, che ha messo una volta di più i partiti politici e i singoli deputati e senatori nelle mani di un meccanismo mediatico-giudiziario che ha rischiato seriamente di azzerare la democrazia nel nostro Paese. L’ho fatto per sfinimento, nonostante ci fosse il voto segreto e io fossi al gruppo misto, senza dover rendere conto a nessun partito. Non condividevo quel voto, eppure l’ho dato.

Un’altra pillola di mia storia personale: sono stata prima giornalista e poi esponente politica in anni in cui non si poteva aprire la bocca senza dover fare la premessa, quella richiesta dalla sinistra ideologica che ti dava la patente democratica. Non si potevano difendere i diritti degli imputati per esempio del processo “7 aprile” senza aver prima dichiarato di essere contro il terrorismo. Non parliamo poi della mafia. A Totò Riina tenevano la luce accesa in cella per 24 ore al giorno? Prima di denunciare il fatto come una violenza contro i diritti dell’uomo, bisognava dire di essere contro la mafia. Quando ho difeso Mambro e Fioravanti sulla strage di Bologna i dirigenti del Pci mi hanno scritto che ero “oggettivamente” una sorta di mandante di stragi. Noi garantisti avevamo il peccato originale stampato addosso e dovevamo continuamente giustificarci prima di poter aprire la bocca. Tenete presente che sono cresciuta come giornalista al Manifesto, cioè alla scuola di Rossanda e Pintor, non al Secolo d’Italia. Vedete, io oggi vedo un clima molto simile a quello di allora. Tu Deborah hai scritto una lettera molto bella a Silvio Berlusconi, di cui spero lui tenga conto e che io in larga parte condivido. Tu dici che anche noi siamo «figli di una lunga cultura politica della contrapposizione».  Credo però che si debba andare a sfogliare il famoso album di famiglia della sinistra per trovare le radici di questa cultura, in particolare nella sua eterna convinzione della propria superiorità morale. È lì che nasce la logica della contrapposizione, della cittadella assediata dai nemici, anzi dagli infedeli. Non c’è bisogno di aver fatto un buon liceo per sapere che quando introduci in politica la morale, corri il rischio di scivolare nello Stato etico, oggi ben rappresentato dai seguaci di Rousseau, cui noi ovviamente continuiamo a preferire Montesquieu.

Veniamo alla “mozione Segre”. Io non credo che un voto positivo da parte di Forza Italia sarebbe stato determinante per ristabilire all’interno del centrodestra quella leadership culturale liberale che anch’io (ma anche Berlusconi) ritengo indispensabile. Ci sarebbero tanti altri vuoti da riempire, per esempio sulla giustizia, per ristabilire l’egemonia di quella cultura. Ma ci sono anche equilibri di rapporti tra partiti alleati di cui tener conto. Tanto per continuare con le giustificazioni preventive, garantisco di non esser mai stata nazionalista, avendo sempre preferito definirmi, in maniera un po’ sessantottina (come ha detto anche Piero Sansonetti), “cittadina del mondo”. Però capisco bene che per alcuni partiti (Fratelli d’Italia con la sua storia, in particolare) quel riferimento, nella mozione,  al nazionalismo nell’elenco delle violenze di tipo razzistico da combattere, sia come un’unghia che striscia sulla lavagna. Ogni sensibilità va rispettata. Sappiamo bene come funziona, in Parlamento: ogni partito presenta la sua mozione e in genere, se non si ha la capacità di cercare e trovare un accordo, anche su temi sensibili come il razzismo e l’antisemitismo, va a finire che ognuno cerca di portare l’acqua al proprio mulino e vota la propria mozione. Quella di Forza Italia era la più equilibrata, a detta di tutti, quella che voi e io avremmo votato con condivisione. Se ne poteva/doveva votare comunque un’altra, più spostata a sinistra? Probabilmente sì, per astuzia, per evitare la gogna del giorno dopo. Ma non per totale condivisione, ben sapendo anche che nessuno può distribuire i bollini blu che certifichino il tasso di democrazia, di antirazzismo, di solidarietà con il popolo ebraico e anche (aggiungo) con lo Stato di Israele. Troppe volte ho visto in piazza una certa sinistra bruciare quelle bandiere. Alla superiorità morale della sinistra non crede più nessuno, da tempo.  Neanche voi, ne sono certa. Ma non prendiamo l’astensione del centrodestra (e in particolare di Forza Italia, che non è certo diventata “fascista”  né subalterna a Salvini per questo) per quello che non è stato niente di più che un errore tattico. È tutto più banale di quel che sembra. Non usatelo, per favore. La vostra intelligenza dispone di ben altri argomenti di lotta politica. Teniamo aperta questa discussione importante sull’identità culturale e politica, all’interno di Forza Italia. E poi si faccia dunque questa inutile ennesima commissione. Male non può fare, come una volta i gruppi di studio e l’apertura dei tavoli. Sempre con amicizia.