Giusy Rizzotto è praticamente la candidata protagonista delle elezioni comunali a Savona. Non si parla che di questo, sui social e sul web, nella corsa alle amministrative nel capoluogo di provincia in Ligura. Più che delle idee della candidata nella lista Forza Italia – Unione di Centro si parla delle sue foto, e di un video hard diffuso in rete “Non sono io”, ha chiarito subito lei. E promesso querele.

All’anagrafe Giuseppina Rizzotto, 38 anni, imprenditrice e influencer, candidata a sostegno di Angelo Schirru. Su Instagram al momento è seguita da 362mila follower, destinati molto probabilmente ad aumentare. Di lei si è cominciato a parlare diffusamente per via del suo santino elettorale, sul quale appare con un’evidente scollatura, circolato anche su un furgoncino per la campagna elettorale in questi giorni in città. “Io per te … ci sono!”, lo slogan.

Rizzotto è nata a Catania. Per lavoro si è trasferita a Trieste, Genova e quindi a Savona. È diplomata in ragioneria, gestisce uno stabilimento balneare a Spotorno e lavora per l’azienda “Acqua di Calizzano”. È sposata da vent’anni, ha due figli di 20 e 17 anni. Punta a valorizzare l’aspetto turistico della città, a investire in opportunità per i giovani che spesso decidono di lasciare la città, a promuovere l’inclusione. A volerla fortemente nella lista il coordinatore provinciale di Forza Italia Marco Melgrati.

Alle critiche dell’Udc per via del suo santino elettorale troppo osé ha replicato con una bordata in un’intervista a La Repubblica: “Sono bella, per lavoro invece di fare la modella in passerella, faccio l’influencer su Instagram e quindi ci sono molte mie foto in circolazione, ma il problema non è mio, è loro: io mi candido per lavorare per la mia comunità, loro guardano il mio seno e le mie gambe lunghe. Forse l’età media, avanzata, in quel partito non aiuta: borbottano e criticano. Badano all’immagine, a quello che pensa la gente, non a quello che potrò fare. Pensi che mi aveva contattato un altro partito, nel centrodestra, ma io avevo rifiutato la candidatura”.

Su una storia su Instagram Rizzotto ha denunciato: “Mi hanno appena mandato delle foto, mie, associate al video di una ragazza, che non sono io, un po’ troppo spinto. Questa persona verrà denunciata. Non fatelo ragazzi, basta. Verrete denunciati, passerete dei guai e saranno fatti vostri stavolta”. E in un’altra storia successiva ha raccontato di essere alla polizia postale per presentare la denuncia. “È assurdo, mi stanno scrivendo da tutta Italia, con questo video di questa tizia che potrebbe assomigliarmi, che fa dei video hard, ma non sono io”.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.