Il cadavere di Chiara Ugolini è stato trovato in un lago di sangue nell’appartamento dove viveva a Calmasino di Bardolino, in provincia di Verona. Il macabro ritrovamento ieri sera, in una zona collinare sopra il lago di Garda. Stretto riserbo da parte dei Carabinieri che inizialmente non escludevano l’ipotesi dell’incidente domestico, ma la pista resta soprattutto un’altra: omicidio. A maggior ragione dopo gli ultimi sviluppi sul caso che hanno portato al fermo di un uomo.

Ugolini aveva 27 anni. Si era trasferita da Fumane, sempre in provincia di Verona, in Valpolicella, sul lago di Garda per vivere con il compagno. La giovane non si era presentata al lavoro ieri pomeriggio e quindi proprio il fidanzato si è allarmato. Ugolini lavorava nel negozio di abbigliamento del padre del fidanzato. Era stata di turno di mattina e doveva tornare in negozio intorno alle 18:00. Il fidanzato si è preoccupato: la ragazza non arrivava a lavoro né rispondeva alle sue chiamate. Sarebbe tornato quindi in appartamento e ha scoperto il corpo.

Chiara era riversa a pancia in giù, con una pozza di sangue vicino alla testa. Nessun chiarimento sulle cause del decesso. Stando alle prime rilevazioni non risulterebbero segni evidenti di effrazione sulla porta dell’appartamento e sul corpo non ci sarebbero ferite di arma da taglio o di arma da fuoco. Non si esclude una violenta colluttazione. Solo l’autopsia disposta dalla pm di turno Eugenia Bertini potrà comunque chiarire le cause della tragedia. La notizia ha sconvolto il centro nel veronese. Ugolini si era laureata a fine 2020 e giocava a pallavolo per la Asd Volley Palazzolo. “Ciao Chiara”, il messaggio di cordoglio apparso sulla pagina social della squadra.

Le indagini dei militari si sono concentrate su un uomo che vive nello stesso stabile di tre piani e del quale inizialmente si erano perse le tracce. Ancora da chiarire se si tratta dello stesso fermato ieri sera dalla polizia stradale sul tratto fiorentino della A1. L’uomo sarebbe stato intercettato intorno alle 22:30 all’altezza del casello di Firenze Impruneta mentre a bordo di una moto procedeva in direzione Roma. Secondo quanto riporta l’Ansa nella notte avrebbe ammesso le sue responsabilità davanti agli agenti della stradale e ai carabinieri di Verona.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.