Dopo otto mesi la Cina conferma un decesso a causa della pandemia da coronavirus. Non succedeva da maggio. La Cina è stata il Paese dove è esplosa l’epidemia mondiale, dalla provincia dello Hubei. La città di Wuhan, dove gli esperti fanno risalire il primo focolaio, a quanto ricostruito in un wetmarket, ha festeggiato anche il Capodanno. La vittima è stata registrata nella provincia settentrionale dell’Hebei, dove preoccupa la diffusione dei contagi. I morti in totale salgono così a 4.635, anche se agenzie e media internazionali avanzano dubbi sulla trasparenza dei dati di Pechino.

La Commissione sanitaria nazionale ha dato notizia di 138 nuovi casi di coronavirus – picco dal 5 marzo scorso – , 124 di trasmissione locale (81 nella provincia di Hebei e 43 in quella nordorientale di Heilongjiang) e 14 ‘importati’ dall’estero, oltre a 78 casi relativi a pazienti asintomatici. Ad oggi la Cina ha confermato un totale di 87.844 contagi, con 82.324 persone dichiarate guarite dopo aver contratto l’infezione. Le autorità sanitarie parlano di un totale di 4.465 casi ‘importati’.

E’ arrivato intanto a Wuhan un team globale di ricercatori per condurre un’indagine sulle origini della pandemia. La squadra è formata da 10 membri – provenienti da Stati Uniti, Australia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Russia, Paesi Bassi, Qatar e Vietnam – ed è stata mandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ed è stata approvata dal governo del presidente Xi Jinping dopo mesi di discussioni diplomatiche che hanno provocato un’insolita denuncia pubblica da parte del capo dell’Oms Tedros Ghebreyesus.

Il sospetto degli scienziati – la teoria più accreditata finora sulle origini della pandemia – è che il virus che ha ucciso 1,9 milioni di persone dalla fine del 2019 sia passato agli umani da pipistrelli o altri animali, molto probabilmente nel sud-ovest della Cina. Il governo afferma che il virus proveniva dall’estero, forse da frutti di mare importati, ma gli scienziati respingono questa ipotesi. CGTN, il canale in lingua inglese dell’emittente statale CCTV, ha riferito l’arrivo del team dell’Oms.