È tra i protagonisti del Grande Fratello Vip e, prima di entrare nella casa più spiata d’Italia, Manila Nazzaro ha consegnato a Rogiosi Editore il manoscritto “Cintura rosa di sopravvivenza”, che da oggi, 6 ottobre, arriva in tutte le librerie, negli store on line e sul sito della casa editrice Rogiosi. Manila ha espresso la volontà, accolta con entusiasmo dall’editore Rosario Bianco, di sostenere la Fondazione Umberto Veronesi – per il progresso delle scienze, con il libro, che offre al lettore un racconto della sua vita, in cui non si risparmia e da cui viene fuori un affresco che ricorda le “montagne russe”, fatto di grandi gioie e grandi dolori; di successi e sconfitte; di valori e amore.

Un’autobiografia che nasce dall’esigenza di dare forza e coraggio a tutte le donne che, all’improvviso, si sono ritrovate catapultate in una vita piena di ombre e solitudine, spezzate da un dolore lancinante che torna nei loro incubi più bui. Scoprire che dentro di loro c’è una vita e che quella vita all’improvviso va via, portando con sé l’immensa felicità di diventare mamme. Manila ha iniziato a rivelare e raccontare il suo dolore sui suoi canali social e, lentamente, quel grande senso di solitudine è stato colmato da altre storie come la sua. Tante donne le hanno scritto lettere in cui si sono confessate in tutta la loro fragilità. In questo libro, c’è spazio anche per loro.

Manila bambina sognava di diventare un cardiologo e ha portato avanti con determinazione questo sogno fino agli studi universitari, rendendo orgogliosi i suoi genitori. Un legame, quello con i genitori, vero e viscerale, come solo la gente del Sud sa vivere. Il sogno viene interrotto e la rotta cambia in maniera del tutto casuale. La corona di Miss Italia e la somiglianza con la divina Sophia Loren scrivono per Manila Nazzaro un altro destino. Non apparterrà al mondo della medicina ma a quello dello spettacolo. Una vita in cui arriva l’amore con un marito, due figli e un cane. Una vita meravigliosa, in cui non c’era nulla che non funzionava. All’improvviso il buio. Da madre generosa, la vita diventa un’arcigna matrigna, portando nelle giornate lunghe e spente di Manila, le malattie, i tradimenti, la solitudine, la disperazione. Poi un raggio di luce e il calore dell’amore con Lorenzo, il suo attuale compagno. E, di nuovo, il dolore. Oggi, attraverso la sua storia e le migliaia di testimonianze raccolte, Manila racconta che tutte le donne sono “cintura rosa di sopravvivenza”.

Manila Nazzaro nasce a Foggia nel 1977. Studiava Medicina all’Università di Chieti, quando è iniziata la sua carriera nel mondo dello spettacolo. Nel 1999 vince il titolo di Miss Italia, incoronata da Alberto Sordi. Inizia da lì la sua carriera di modella e testimonial di diverse campagne pubblicitarie. Nella vita professionale di Manila arrivano teatro, televisione e radio. Nel 2000 inizia a studiare recitazione presso il Teatro Azione di Roma. Ha partecipato a molti spettacoli teatrali e ha avuto un ruolo da protagonista nell’adattamento teatrale del film “Il paradiso può attendere” con Gianfranco D’angelo; e a musical, tra cui “Il Bagaglino”, nel 2009, come primadonna dello spettacolo “Sex and Italy”. In televisione ha condotto gli “Oscar TV” (2000), “Dietro le quinte di Miss Italia” (2001), “Miss Italia nel mondo” (2002), “L’anno che verrà” su Rai Uno (2009), “Mezzogiorno in famiglia” (inviata nel biennio 2014-2015 e conduttrice fino al 2017). Protagonista, nell’estate 2020, della trasmissione “Temptation Island”. Dal 2017 entra a far parte della famiglia di RTL102.5, su Radio Zeta. Nel 2021 entra nella casa del “Grande Fratello Vip”.