Cristiano Ronaldo positivo al coronavirus. La notizia rimbalza dal Portogallo, dove il campione della Juventus si era unito ai lusitani per la pausa con la propria nazionale. La notizia è stata confermata dalla Federcalcio Portoghese, a poche ore dalla partita con la Svezia. L’attaccante della Juve al momento si trova in isolamento, sta bene ed è asintomatico.

A Bola aveva scritto di test “inconclusivo”, e quindi incerto. Poi è arrivata la conferma della Federazione. La conferenza stampa del ct dei lusitani, Fernando Santos, prevista inizialmente per stamattina, è slittata alle 19 locali. Domani il Portogallo sarà impegnato in casa contro la Svezia in Nations League.

È il terzo caso di covid-19 nella nazionale lusitana: il primo era stato José Fonte del Lille, in isolamento da martedì scorso, poi era stato il turno del portiere Anthony Lopes. Negativi tutti gli altri test. Ronaldo, che per raggiungere il ritiro della selezione portoghese aveva lasciato in anticipo l’isolamento fiduciario in cui era stata posta la Juventus dopo la positività di due membri dello staff, era sceso in campo domenica contro la Francia.

Ronaldo era stato, con la Juventus e il Napoli al centro di una lunga polemica dopo la sfida annullata tra le due squadre domenica 4 ottobre. In quell’occasione il Napoli era stato messo in isolamento dall’Asl dopo il tracciamento di tre positivi tra squadra e staff. Il giorno dopo la partita Ronaldo ha lasciato la squadra raggiungendo la nazionale. Il Presidente della Campania Vincenzo De Luca, con la consueta ironia, aveva criticato il polverone sollevato sul caso Juve-Napoli e sulla presunta violazione del protocollo della Serie A violato dagli azzurri. Il governatore aveva detto in una delle sue dirette sui social che “se gli azzurri fossero partiti pieni di spirito e covid infettando Ronaldo, saremmo finiti sulla prima pagina del New York Times, per la gloria dell’Italia”