La ricerca del Pascale è giovane e soprattutto donna. Di 49 progetti altamente innovativi approvati nel programma triennale di pianificazione delle attività 23 sono stati proposti da giovani ricercatori e di questi 22 vedono come responsabile principale una donna. Come tutti gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, il Pascale deve dotarsi di un programma di ricerca triennale per pianificare le sue attività. A tale scopo, la direzione strategica dell’Irccs partenopeo ha emesso un bando per due tipologie di progetti di ricerca, programmi interdipartimentali per favorire l’interazione tra ricercatori clinici e pre-clinici e progetti rivolti a giovani ricercatori. Il requisito per tutti i progetti è stato quello di avere una ricaduta clinica ed un collegamento con le attività della Rete Oncologica Campana (ROC) di cui il Pascale è coordinatore.

Questa programmazione rappresenta una svolta importante verso un maggiore coinvolgimento di giovani e donne nelle attività di ricerca dell’Istituto – dice il direttore scientifico Nicola Normanno. – Questa svolta rosa è avvenuta anche nell’individuazione dei nuovi coordinatori delle linee di ricerca in cui sono raggruppati i progetti, di cui 5 su 8 sono attualmente donne“.

Tra i progetti presentati dalle giovani ricercatrici, due hanno importanti ricadute cliniche. Il progetto di Cristin Roma, 44 anni e precaria al Pascale da 14 , sarà svolto presso i laboratori della sede di Mercogliano e avrà come obiettivo l’identificazione di fattori genetici che possano determinare forme ereditarie di tumori gastrici, consentendo pertanto una diagnosi precoce della malattia.

Claudia Cardone, 34 anni, al Pascale dal 2019 svilupperà un registro dei tumori localizzati del colon-retto per poter identificare nuovi biomarcatori che consentano la personalizzazione delle terapie adiuvanti, al fine di ridurre le recidive della malattia.

La ricerca del Pascale è fortemente integrata con l’attività assistenziale. – dice il direttore generale del polo oncologico, Attilio BianchiL’investimento in ricerca che abbiamo approvato con questo programma avrà delle importanti ricadute positive sulla già elevata qualità dell’assistenza che il Pascale è in grado di fornire ai pazienti oncologici“.