Over 80 e cinquantenni, non vaccinati, popolano ancora i reparti Covid dell’ospedale Cotugno di Napoli. La campagna di immunizzazione ha infatti salvato tutti quelli che si sono fatti somministrare il farmaco dalle evoluzioni peggiorative della malattia. A rivelarlo è Rodolfo Punzi, direttore del dipartimento malattie infettive: “Permangono due elementi di preoccupazione: la caotica comunicazione delle ultime settimane sui vaccini a vettore virale che ha rallentato e scoraggiato le somministrazioni, tanto che registriamo ancora ricoveri al Cotugno di non vaccinati, e l’insidiosa diffusività della cosiddetta variante Delta, più contagiosa del 60 per cento rispetto a quella inglese che, a sua volta, era già più insidiosa”.

Lo stesso presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, si era scagliato contro il governo addossando alle autorità sanitarie e al Ministero della Salute le colpe della mancata risposta della popolazione alla campagna vaccinale, spaventata – secondo il governatore – dalla comunicazione confusa sul caso AstraZeneca.

Dall’analisi del Gruppo di Bioinformatica del centro Ceinge-Biotecnologie avanzate diretto da Giovanni Paolella, emergono anche i dati sulla diffusione della variante Delta in Campania. Mentre in Puglia – la regione più colpita – la presenza della Delta è del 35% con (38 sequenze segnalate), in Campania è “ferma” al 3% (con 3 sequenze registrate).

L’obiettivo per adesso è recuperare almeno una parte di quel 30% di residenti in Campania che per ora è riluttante alla vaccinazione o non è riuscito a prenotarsi. Da stamattina a Napoli è in corso la seconda fase delle vaccinazioni nelle farmacie, che cominceranno a somministrare anche il siero Pfizer, oltre al Johnson per gli over 60.  Ma tra i capoluoghi campani è Salerno ad essere maggiormente immunizzata. Tra città e provincia si registrano 850 mila vaccini somministrati a copertura del 77% della popolazione.

Campania, su 321 campioni analizzati 170 varianti inglesi e 82 delta

A seguito delle attività settimanali di sequenziamento previste dal piano di sorveglianza genomico della Regione Campania, condotto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, azienda ospedaliera Dei Colli (ospedale Cotugno) e Tigem, sono stati esaminati 321 campioni di soggetti risultati positivi al Covid 19 con tampone molecolare. Dalle indagini è emersa la presenza di 170 varianti inglesi, 82 varianti indiane, 36 varianti brasiliane, 6 varianti colombiane e 23 europee. Sono in corso ulteriori approfondimenti epidemiologici e sullo stato vaccinale dei soggetti presi in esame. Lo rende noto l’Unità di crisi regionale.

Redazione