Attese per oggi le dimissioni del premier giapponese Shinzo Abe. Il primo ministro soffre una rettocolite ulcerosa che sta mettendo in pericolo la sua salute. Ad anticipare la decisione la tv pubblica NHK secondo la quale Abe avrebbe “intenzione di dimettersi per evitare di sconvolgere la scena politica nazionale”. La conferenza stampa è attesa per le 17:00 locali, le 10:00 italiane.

La rettocolite ulcerosa aveva costretto Abe alle dimissioni già nel 2005-2006. Da alcuni giorni era rientrato in ospedale per controlli medici.
La malattia di cui soffre il premier giapponese è cronica. Dal 2012 Abe è il primo ministro giapponese che detiene il record di longevità della carica, conquistato proprio questa settimana.

Anche prima delle recenti visite in ospedale Abe era stato oggetto di dubbi e critiche per le sue condizioni di salute alimentati dalle domande relative alle sue limitate apparizioni pubbliche. Il portavoce del governo giapponese Yoshihide Suga aveva tentato di respingere le voci: “In termini di salute del primo ministro, lo stesso primo ministro ha detto che desidera lavorare sodo e io lo vedo ogni giorno e sento che non ci sono cambiamenti nelle sue condizioni”, aveva detto Suga ai giornalisti. Giovedì scorso Suga aveva riferito a Bloomberg News che Abe “ovviamente” sarebbe stato in grado di portare a termine il suo mandato, che dura fino a settembre 2021.

Le dimissioni arrivano in un momento delicato per il governo: nonostante l’emergenza covid contenuta in Giappone (65.706 positivi, 1.241 morti, dati John Hopkins University) l’esecutivo è criticato per il suo approccio alla crisi.