Interviene anche Greta Thunberg sulle trattative che si stanno tenendo in queste ore a Bruxelles. L’attivista svedese 17enne ha lanciato un appello attraverso i social affinché i capi di governo europei nei loro colloqui si occupino anche delle questioni ambientali e climatiche.

Thunberg, rivolgendosi ai leader dell’Ue che “si stanno incontrando ora a Bruxelles per decidere il nostro futuro” ha postato un video sul cambiamento climatico che avverte che “se le emissioni non diminuiscono, il budget di carbonio” a nostra disposizione per restare sotto la soglia ” di 1,5 gradi centigradi sarà utilizzato in otto anni”.

Il vertice di Bruxelles dura da quattro giorni ed è già il più lungo della storia. Sul tavolo le trattative sul Recovery Fund che hanno opposto i Paesi del Sud ai cosiddetti Paesi Frugali.

Thunberg in questi giorni ha lanciato una nuova campagna, attraverso una lettera aperta scritta con altre tre attiviste – Luisa Neubauer, Anuna de Wever van der Heyden e Adélaïde Charlier, tutte tra i 17 e i 24 anni – che invita i capi di Stato e di governo ad affrontare il riscaldamento globale come un’emergenza e che, come per la pandemia in corso, vengano prese azioni immediate e concrete per affrontala. La campagna si chiama #FaceTheClimateEmergency. Nel testo si fa riferimento anche alle ingiustizie sociali e alle discriminazioni razziali e a “difendere l’ecocidio come reato internazionale.

Redazione