La preghiera del Padre Nostro cambia su sollecitazione di Papa Francesco. Nelle chiese italiane sarà recitata nella nuova versione a novembre, dalla prima domenica di avvento, ma verrà pubblicata ufficialmente già dopo Pasqua la nuova preghiera che cambia in un passaggio da sempre oggetto di dibattito.

Il Padre Nostro infatti nel punto in cui si invocava Dio a “non indurci in tentazione” sarà corretto in “non abbandonarci alla tentazione”.

Il Messale con la nuova versione del Padre Nostro uscirà subito dopo Pasqua”, ha detto all’AdnKronos monsignor Bruno Forte, arcivescovo di Chieti e Vasto, tra i più influenti teologi del Vaticano. La data esatta è il 12 aprile, mentre “l’uso liturgico della preghiera modificata sarà introdotto a partire dalle messe del 29 novembre prima domenica di Avvento”.

Già oggi in alcune parrocchie il Padre Nostro viene recitato nella nuova versione, anche se solo a novembre verrà dato il via libera ufficiale a tutti.

Redazione