Con l’emergenza Coronavirus e le scuole chiuse in un periodo cruciale dell’anno, a pagarne le conseguenze sono senz’altro gli studenti. Tra chi deve preparare l’esame di maturità fino ai più piccoli che sono ai primi anni di scuola, non poter andare in aula creerà non pochi problemi.

Per questo motivo le insegnanti di alcune scuole di Napoli si sono subito organizzate per cercare di sostenere gli studenti da remoto. Le maestre di una seconda elementare della scuola elementare Maria Cristina di Savoia, del quartiere di Chiaia, non hanno perso tempo e già da questa mattina stanno inviando messaggi vocali ai bambini attraverso gli smartphone dei genitori.

Approfittando della rappresentante di classe che poi li inoltra nelle chat delle mamme, i messaggi, con il tono rassicurante che solo le insegnanti riescono dare, arriva direttamente ai piccoli studenti. Negli audio vengono date indicazioni e vere e proprie spiegazioni su come affrontare i compiti, a cosa stare attenti nello svolgimento e sono una spinta positiva per evitare le preoccupazioni anche dei più piccoli.

Le maestre a modo loro stanno cercando di non far mancare ai bambini la presenza della scuola e tutto ciò che per le famiglie rappresenta. La reazione dei bambini è stata immediata. Sentendo i vocali hanno subito chiesto ai genitori di poter fare i compiti lasciando da parte giochi e tv e hanno ascoltato più e più volte i messaggi vocali per non perdersi ogni singola parola delle maestre. Una bella pratica in attesa di sapere notizie sulla riapertura degli istituti scolastici e non restare troppo indietro col programma.