L’Asl Napoli 2 nord vuole vederci chiaro sulla morte di Angela Brandi, la ragazza di 24 anni deceduta poche ore dopo essere stata dimessa dal pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Grazie di Pozzuoli dove era arrivata nel pomeriggio di martedì 24 gennaio in seguito a forti dolori al petto e alla perdita di sangue dalla naso. L’azienda sanitaria guidata dalla direttrice Maria Iervolino ha avviato delle verifiche interne per appurare eventuali responsabilità.

Una inchiesta, dopo la segnalazione dei familiari della 24enne ai carabinieri, è stata aperta anche dalla procura di Napoli con il pm di turno che ha disposto il sequestro della salma e l’esame autoptico per chiarire le cause del decesso.

Angela, che viveva a Licola (Giugliano in Campania) con la famiglia, era arrivata al pronto soccorso dell’ospedale flegreo presentando epistassi, ovvero fuoriuscita di sangue dal naso. E’ stata assistita dallo specialista otorinolaringoiatra che le ha trattate come varici al setto nasale. Dopo la visita la 24enne è stata dimessa ed è tornata a casa. In serata la tragedia: la giovane ha avuto un malore ed è stata riportata al Pronto Soccorso dove però è arrivata già in arresto cardiaco. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte dei sanitari, poco dopo è sopraggiunto il decesso.

L’ospedale ha consegnato agli inquirenti l’intera documentazione clinica richiesta e confida negli accertamenti disposti dal pm, esprimendo “profondo cordoglio e vicinanza ai familiari”. Tantissimi i messaggi di cordoglio che in queste ore si stanno susseguendo sui social.

Redazione