Allerta arancione in quattro Regioni, allerta gialla in nove Regioni. L’Italia è investita in questo fine settimana da una vasta area di bassa pressione che sta interessando l’Europa centro-settentrionale con correnti umide sud-occidentali in quota che attraversano il Mediterraneo centro-occidentale, il Centro e il Nord della Regione e parte del Sud. La Protezione Civile si attende una spiccata instabilità con rovesci e temporali anche di forte intensità.

L’allerta arancione riguarda Lazio, Molise, Toscana e Campania. Quella gialla l’Abruzzo, l’Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Liguria, Puglia, Veneto e Sardegna. Le precipitazioni dovrebbero interessare prima il nord e la Toscana, poi il resto delle regioni centrali e infine il versante tirrenico del meridione. L’allerta arriva a poco più di una settimana dalla tremenda ondata di maltempo che ha travolto le Marche con un’alluvione che ha causato dodici vittime e un disperso.

Il Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende il precedente. L’avviso prevede precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Lazio, specialmente sui settori costieri e meridionali, in estensione a Campania, Abruzzo, Molise e Puglia settentrionale. Inoltre si prevedono precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul Friuli-Venezia Giulia; i fenomeni, accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento, persisteranno anche su Umbria e Marche.

In quest’ultima Regione è stata attivata la macchina della Protezione civile, in stato d’allerta su tutto il territorio regionale. A Senigallia la pioggia è cominciata a cadere nel primo pomeriggio di ieri. Dopo una riunione con la Prefettura di Ancona e la Regione Marche, il Comune della cittadina costiera ha invitato a mantenere una “vigile allerta”. Alla cittadinanza residente in zona rossa è stato suggerito, in via precauzionale, di “evitare i locali seminterrati e piano strada e di trascorrere la notte tra sabato e domenica ai piani alti, muovendosi solo per effettive e improrogabili necessità”.

Scrive l’Ansa che al momento non si segnalano particolari problematicità anche se la prima pioggia è già arrivata nell’area colpita dalla bomba d’acqua della scorsa settimana.

Avatar photo

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.