È morta sbattendo la testa durante la lezione di educazione fisica. È la tragedia avvenuta questa mattina nella scuola media Vittorio Emanuele Orlando in via Lussemburgo a Palermo. La bambina, di 10 anni, è caduta durante l’ora di educazione fisica, come racconta un compagno di scuola a Repubblica: “Stavamo correndo all’improvviso, l’ho vista scivolare, ha battuta prima la spalla, poi la testa, e ha avuto delle convulsioni”.

Sul posto sono intervenuti personale del 118 e carabinieri della compagnia di San Lorenzo, ma per la bambina non c’era nulla da fare. I primi a tentare di rianimare l’alunna sono stati gli insegnanti, con la dirigente dell’istituto scolastico che ha allertato prontamente i sanitari del 118.

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha espresso “profondo cordoglio e dolore” per la tragedia avvenuta stamattina. La Ministra ha espresso anche la “massima vicinanza alla famiglia” e ha reso noto che il Ministero ha già avviato tutti gli accertamenti del caso.

Della tragedia ha parlato anche il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando: “Si tratta di una tragedia immane, che colpisce la famiglia della piccola, la comunità scolastica e tutta la città. Sono certo di interpretare i sentimenti non solo dell’Amministrazione comunale ma di tutta Palermo, nell’esprimere vicinanza nel dolore alla famiglia di questa piccola, ai suoi insegnanti e ai suoi compagni”.

Redazione