Un bambino di un anno è morto in seguito a una sparatoria a Brooklyn, New York. È l’ultima vittima di un’escalation di violenza che nella Grande Mela ha visto un aumento delle sparatorie senza precedenti. Il bambino si trovava in un parco di Brooklyn dove aveva trascorso la giornata con i familiari per un barbecue. Gli spari sono partiti da un’auto. Tre uomini di 27, 35 e 36 anni sono rimasti feriti nello stesso episodio

La scia di sangue nella città di New York è andata aumentando dall’inizio della pandemia e con il successivo lockdown. Domenica sera due ragazzi di 12 e 15 anni erano stati feriti da colpi di arma da fuoco in due diversi episodi a Brooklyn e ad Harlem. Solo nel weekend del 4 luglio, il giorno della Festa dell’Indipendenza, a New York si sono registrate 21 sparatorie con 4 morti.

Redazione