L’Ocse, l’organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, alza le prospettive di crescita per l’Italia per il 2019 e le conferma per il 2020. Lo si legge nell’Economic Oulook. Nel dettaglio quest’anno il Pil dovrebbe crescere dello 0,2% e salire allo 0,4% l’anno prossimo. Nel 2021 il Pil salirà allo 0,5%. Il debito pubblico dell’Italia dovrebbe continuare a diminuire modestamente nel 2020, per poi stabilizzarsi nel 2021.

Ciò consentirà all’alto rapporto debito pubblico-PIL di iniziare a scendere dal 2021: quest’anno il debito salirà al 136,1% per stabilizzarsi al 136% nel 2020.”Una riforma di bilancio globale è la chiave per migliorare l’efficacia della spesa, migliorando l’equità e l’efficienza del sistema fiscale e la riduzione dell’onere del debito. Il miglioramento dei servizi pubblici, la riduzione dell’onere normativo e il potenziamento dei programmi di ricerca e formazione professionale rafforzerebbe gli investimenti e l’occupazione e ridurrebbe le disparità regionali e di reddito”, sottolinea l’Ocse.

DISOCCUPAZIONE STABILE, ESPORTAZIONI LIMITATE – La disoccupazione in Italia si stabilizzerà al 10% quest’anno e il prossimo. La crescita del PIL dovrebbe aggirarsi intorno allo 0,5% nel 2020 e nel 2021. La debole domanda esterna e le persistenti incertezze relative alle politiche commerciali globali limiteranno la crescita delle esportazioni, pesando sugli investimenti, sull’occupazione e sui redditi dell’Italia. Nel suo rapporto L’Ocse sottolinea che “d’altro canto, i consumi delle famiglie aumenteranno moderatamente, supportati da una stabilizzazione della fiducia dei consumatori e tagli al cuneo fiscale per molti lavoratori dipendenti. Necessari anche una riduzione dell’incertezza della politica interna, condizioni di finanziamento più facili e incentivi fiscali a sostegno degli investimenti”.

“STOP QUOTA 100” – Applicare revisioni per razionalizzare la spesa, invertire i cambiamenti nelle norme sul prepensionamento introdotti nel 2019 (la cosiddetta quota 100) e preservare il legame tra età pensionabile e aspettativa di vita libererebbe risorse per programmi più efficaci e investimenti pubblici e migliorerebbe l’equità intergenerazionale. Lo scrive sempre l’Ocse nel suo rapporto.

Ridurre le spese fiscali, in particolare i sussidi dannosi per l’ambiente, e combattere l’evasione fiscale sosterrà le entrate e amplierà la base imponibile, consentendo al governo di aumentare la qualità ambientale e migliorare l’equità del sistema fiscale, aggiunge l’Ocse.”I guadagni duraturi e inclusivi di reddito e standard di vita richiedono un aumento della produttività e dell’occupazione in ritardo in Italia. Ridurre gli ostacoli amministrativi agli investimenti e rafforzare la concorrenza nei mercati ancora protetti, come i servizi professionali, sosterrebbe la produttività e gli investimenti. Il miglioramento delle prestazioni del settore pubblico, soprattutto nelle regioni in ritardo di sviluppo, è fondamentale per aumentare la produttività, l’attività e l’inclusione. Il rafforzamento dei servizi pubblici per l’impiego è fondamentale per i programmi di protezione sociale e attivazione del lavoro del cittadino. L’attuazione dei piani del governo per ampliare l’accesso alla cura dei bambini e aumentare l’istruzione e il sostegno alle famiglie migliorerà l’inclusione e ridurrà gli ostacoli al lavoro per le donne”, conclude l’Ocse

LA SITUAZIONE GLOBALE – La crescita del PIL mondiale dovrebbe essere del 2,9% quest’anno, il suo tasso annuale più basso dalla crisi finanziaria e rimanere al 2,9% o 3,0% nel 2020 e nel 2021. Il Pil globale è cresciuto del 3,5% nel 2018.Presentando le prospettive a Parigi, l’economista capo dell’Ocse Laurence Boone ha dichiarato: “Sarebbe un errore considerare questi cambiamenti come fattori temporanei che possono essere affrontati con la politica monetaria o fiscale: sono strutturali. Senza coordinamento per il commercio e la tassazione globale, chiare indicazioni politiche per la transizione energetica, l’incertezza continuerà a incombere e danneggerà le prospettive di crescita”.

Il rallentamento, sottolinea l’Ocse, riguarda sia le economie avanzate sia quelle dei mercati emergenti, sebbene la sua gravità vari in base all’importanza degli scambi nei singoli paesi. La crescita negli Stati Uniti dovrebbe rallentare al 2% nel 2020 e nel 2021. Nell’area dell’euro e in Giappone, la crescita è prevista intorno all’1% mentre la decelerazione dell’espansione cinese dovrebbe raggiungere il 5,5% nel 2021, rispetto al 6,6% scorso anno.