Continuano le indagini su quanto accaduto le sera di venerdì 26 marzo tra Marano e Villaricca. È indagato a piede libero per omicidio volontario il 26enne che, secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, avrebbe inseguito e speronato con la sua Smart ForFour, uccidendoli, i due rapinatori che in sella a uno scooter gli avevano preso il Rolex.

Le due vittime sono state identificate poco dopo: sono Ciro Chirollo, 30 anni, e Domenico Romano, 40 anni, pregiudicati ed entrambi di Sant’Antimo. Sul caso sono ancora molte le ombre e le incongruenze nonostante la confessione resa dal 26enne vittima della rapina. Nei prossimi giorni sarà effettuata l’autopsia sui corpi dei due rapinatori per sapere di più di quanto è accaduto.

LA VICENDA – È successo tutto in pochi minuti venerdì sera in via Consolare Campana, tra Marano e Villaricca, nell’area Nord di Napoli. Giunti sul posto, i carabinieri della compagnia di Marano hanno ritrovato una Smart piantata nel muro senza nessuno all’interno. Accanto all’auto un cadavere, poco distante un altro corpo e uno scooter, una pistola e un Rolex.

Nella notte tra venerdì il proprietario della Smart si è presentato ai carabinieri ed è stato interrogato per ore dal sostituto procuratore di Napoli Nord Paolo Martinelli, che ha deciso di iscriverlo nel registro degli indagati senza richiedere misure cautelari. Secondo gli inquirenti, dopo essere stato costretto a consegnare il Rolex ai due malviventi che con lo scooter gli si erano affiancati minacciandolo con la pistola, il25enne li avrebbe inseguiti a bordo della Smart e investiti, per poi schiantarsi contro il muro e scappare.

NON ERA LUI AL VOLANTE – Ma il 26enne nel corso del lungo interrogatorio reso al pm Paolo Martinelli, ha riferito di essere stato rapinato ma non di aver investito i due uomini. In particolare ha raccontato che i due banditi lo avrebbero rapinato, pistola in pugno, del Rolex, mentre altri complici gli avrebbero sottratto la Smart su cui viaggiava. Insomma, tutt’altro che chiaro l’accaduto su cui bisognerà fare luce nei prossimi giorni.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.