E’ svenuto durante l’ora di educazione fisica e, nonostante il trasporto in ospedale e i tentativi di rianimazione dei medici dell’ospedale Grassi, non ce l’ha fatta. Tragedia in tarda mattinata a Ostia, nel quadrante Sud di Roma, dove un ragazzino di appena 11 anni ha perso la vita. Il piccolo, che si chiamava Simone e frequentava la prima media, è deceduto dopo aver accusato un malore mentre si trovava nella palestra della scuola che frequentava. Stando a una prima ricostruzione, pare che già in passato la vittima avesse avuto problemi di salute simili e fosse tutt’ora sotto controllo medico anche se – stando ai primi accertamenti – non avrebbe avuto limitazioni nello svolgere attività fisica.

LE INDAGINI – Sul decesso la procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Le indagini sono affidati agli agenti di polizia del commissariato di Ostia. Sulla vicenda l’Ares 118, l’azienda regionale emergenza sanitaria, interviene per fare chiarezza e ricostruire passo dopo passo la macchina dei soccorsi:  “Alle ore 12.32 è giunta tramite il NUE 112, una richiesta di soccorso da una scuola di Ostia per un episodio sincopale in un bambino di 11 anni. Alle 12.33 terminata la telefonata è stato creato il soccorso assegnando un codice triage rosso. Alle 12.39 un’automedica ha raggiunto la scuola trovando il bambino privo di sensi in asistolia. Gli operatori dell’Ares 118 iniziavano dunque le manovre di rianimazione cardiopolmonare”. “Alle 12.42 – scrive Ares nel resoconto – giungeva sul posto anche un’ambulanza che ha coadiuvato il personale dell’automedica nelle manovre di rianimazione che sono durate più di un’ora. Il medico dell’automedica ha richiesto alla sala operativa l’invio di un’eliambulanza per centralizzare il paziente, vista l’età pediatrica, al Bambino Gesù di Roma”.

“NO ELIAMBULANZA” – La tragedia è descritta dalla nota di Ares 118. “L’eliambulanza attivata alle 13.18 è arrivata sul luogo dell’evento alle 13.37 atterrando sul campo sportivo limitrofo della Stella Polare di Ostia. Il medico dell’eliambulanza e il medico dell’automedica dopo un breve consulto hanno deciso che il bambino era emodinamicamente instabile per sostenere un trasporto in volo e per questo veniva disposto un trasferimento al più vicino ospedale Grassi di Ostia in ambulanza alle 13.45. Alle 13.47 il paziente giungeva in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale Grassi ed alle 14.15 nonostante le manovre di rianimazione se ne constatava il decesso” spiega Ares. “A quanto si apprende dalla Asl Roma 3 il ragazzo risulta essere paziente dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù. E’ stato immediatamente attivato il supporto psicologico per i famigliari ai quali vanno le sentite condoglianze per la tragica perdita” conclude la nota.

LA TOTTI SOCCER SCHOOL – “Con te abbiamo condiviso la passione per il calcio, con te abbiamo gioito per un gol, ci siamo consolati per una sconfitta, abbiamo vinto e perso. Ma sempre insieme. Ciao Simone ti vogliamo ricordare così”.