A pochi giorni dal sesto anniversario dell’incidente sulla neve che per poco non costò la vita a Michael Schumacher, sua moglie Corinna, ha dato ai fan un insolito aggiornamento. È quanto riferito dal tabloid britannico Mirror. “Le grandi cose iniziano con piccoli passi”, avrebbe detto la donna ai tifosi del marito, sulle cui condizioni di salute viene mantenuta una strettissima privacy dalla famiglia. In vista del lancio di una nuova pagina social da parte del fan club di Schumacher, #KeepFightingMichael, continua a lottare, Corinna si è espressa parlando di “molte piccole particelle” che “possono formare un grande mosaico”.

Lo scorso settembre, la stampa francese aveva annunciato che il sette volte campione del mondo tedesco di F1 era stato ricoverato in gran segreto all’ospedale europeo Georges-Pompidou di Parigi per essere sottoposto a una cura con cellule staminali da un luminare nel campo.

Il leggendario ex pilota della Ferrari ha subito una lesione cerebrale che gli è quasi costata la vita in un incidente di sci nel 2013 sulle Alpi francesi: una banalissima caduta durante la quale però Schumacher batté la testa su una roccia tanto che si spaccò il suo caschetto protettivo. Dopo una prima, lunga fase in rianimazione e poi in una clinica specializzata, da 5 anni è tornato a casa, nella quiete della sua abitazione a Losanna in Svizzera sulle rive del lago di Ginevra. È assistito 24 ore su 24 e protetto da sguardi indiscreti all’interno della villa-bunker immersa nel verde e protetta da alte mura di cinta. Sulle sue condizioni si sa poco: nessuno della sua famiglia e degli amici più intimi ha mai voluto divulgare i dettagli.