Una tragedia familiare senza senso quella avvenuta nel pomeriggio di domenica a Saluzzo, in provincia di Cuneo. Un operaio di 48 anni, dipendente di un’azienda di Piasco (Cuneo), ha ucciso la madre a martellate, accanendosi poi un coltello contro il proprio cane e infine gettandosi dal balcone di casa al quarto piano in centro città.

Secondo quanto ricostruito dall’Ansa, l’uomo aveva problemi psichiatrici. La vittima è la madre pensionata di 81 anni, che abitava con lui nella casa di corso Roma: l’anziana sarebbe stata uccisa in camera da letto mentre dormiva, mentre il cane è stato accoltellato a morte nel salotto di casa. 

Sono stati i passanti ad allertare i carabinieri, assistendo alla caduta dal balcone dell’operaio 48enne. Entrati nell’appartamento i militari hanno quindi scoperto il cadavere della madre e del cane. 

Sulla vicenda ha aperto un fascicolo il sostituto procuratore della Procura di Cuneo Alberto Braghin.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.