Sono ancora cinque milioni le persone rischio elevato di ospedalizzazione totalmente scoperte dalla protezione vaccinale. Lo ha spiegato il Presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta in un’analisi sull’Ansa sulla copertura e la campagna vaccinale e l’andamento dell’emergenza coronavirus in Italia. Campagna che a oggi ha superato le 27 milioni e 400mila somministrazioni, con oltre 8 milioni e 620mila persone che hanno completato il ciclo. Circa il 91% delle dosi consegnate è stato sfruttato.

“Ecco perché, pur di fronte al netto miglioramento in atto, nono conoscendo ancora chiaro il reale impatto dell’Italia tutta Gialla sulla curva epidemiologica, è fondamentale rispettare la gradualità nelle riaperture, senza imprudenti salti in avanti. Gradualità che, insieme al completamento della copertura vaccinale negli over 60 e al rigoroso rispetto delle misure individuali, rappresenta la chiave di volta per affrontare questa fase della pandemia”, ha spiegato il Presidente Gimbe Nino Cartabellotta.

Per andare ai dati: è il 9,1% degli over 80 a non aver ricevuto nemmeno la prima dose, la percentuale sale al 23,1% della fascia 70-79 e al 42,4% per quella 60-69 anni. Da un report a cura dell’Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute, Sorveglianza vaccini covid-19, in collaborazione con i referenti regionali della sorveglianza integrata covid-19 e della anagrafe nazionale vaccini, è emerso che 35 giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%. Lo studio si è basato su dati a partire dal 27 dicembre 2020, il giorno di avvio della campagna in Italia, fino al 3 maggio 2021, relativi a 13,7 milioni di persone immunizzate.

“Questi dati – ha commentato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro – confermano l’efficacia delle vaccinazioni e della campagna vaccinale, e la necessità di raggiungere presto alte coperture in tutta la popolazione per uscire dall’emergenza grazie a questo strumento fondamentale”. Un’altra conferma dell’importanza della campagna vaccinale per uscire dall’emergenza

LE APERTURE – Si discuterà oggi, durante la cabina di regia, di un probabile nuovo allentamento di alcune restrizioni a partire da lunedì 24 maggio. Si parlerà quindi del coprifuoco ridotto di un’ora, a partire quindi dalle 23:00, e delle riaperture di ristoranti, piscine, centri commerciali e settore matrimoni. Le decisioni principali e definitive saranno prese in base ai dati sulla pandemia in arrivo venerdì 21. Si lavora anche per la riapertura delle discoteche: nelle prossime settimane due esperimenti a Milano, al chiuso, e a Gallipoli, all’aperto, si terranno per testare i protocolli di ripartenza. I clienti entreranno nei locali con il “Green Pass” e usciranno sottoponendosi a un tampone.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.