Può un film icona del cinema mondiale venir cancellato dal catalogo online di una delle più rinomate tv via cavo perché considerato razzista? È quanto successo a ‘Via col vento’, film del 1939 ispirato dall’omonimo libro di Margaret Mitchell ambientato negli Stati Uniti del Sud durante la guerra di Secessione, rimosso dalla piattaforma Hbo Max.

Un portavoce della società ha spiegato al sito di Variety che la pellicola è “un film del suo tempo e che raffigura alcuni pregiudizi etnici e razziali che erano, disgraziatamente, dati per assodati nella società americana. Queste descrizioni razziste erano sbagliate allora come ora e abbiamo pensato che mantenere questo titolo senza una spiegazione e una denuncia di quelle descrizioni sarebbe stato irresponsabile”.

Lo ‘scandalo’ è emerso dopo le proteste di John Ridley, co-sceneggiatore del film ‘12 anni schiavo’, che aveva protesta con Hbo chiedendo la rimozione di ‘Via col vento’. La tv privata ha quindi deciso di rimuovere temporaneamente il film dal suo catalogo, che tornerà disponibile con una “discussione del suo contesto storico e una denuncia di quelle descrizioni”, ha precisato un portavoce di Hbo.

‘Via col vent’, la storia d’amore tormentata tra Rossella O’Hara e Rhett Butler, ha vinto otto premi Oscar, tra cui quella a Hattie McDaniel, migliore attrice non protagonista e prima afroamericana a vincere una statuetta.