Il sogno di Said, dalla startup di migranti al ristorante in centro