L’ex produttore cinematografico e patron della Fiorentina Vittorio Cecchi Gori andrà agli arresti domiciliari quando uscirà dall’ospedale Gemelli di Roma. È stata infatti accolta l’istanza presentata dai suoi legali difensori: il magistrato di Sorveglianza Angela Salvio ha espresso parere favorevole e “provvisoriamente” l’imprenditori potrà scontare la pena in casa.

Resta invece da attendere per il via libera definitivo ai domiciliari, decisione che spetta al tribunale collegiale di Sorveglianza che fisserà un’udienza a breve.

Cecchi Gori era stato arrestato venerdì 28 febbraio. All’imprenditore 78enne è stato notificato un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Corte d’Appello di Roma per un cumulo di pene pari a 8 anni, 5 mesi e 26 giorni di reclusione mentre si trovava ricoverato al Gemelli di Roma.

Nei giorni decine di grandi nomi del cinema italiano avevano firmato una lettera-appello per esprimere “solidarietà e vicinanza” all’ex produttore cinematografico.