Alec Baldwin stava maneggiando una pistola di scena per scaricarla quando sono partiti diversi colpi. È morta una persona e un’altra è rimasta ferita sul set del film Rust, in lavorazione in New Mexico, Stati Uniti. A morire a causa di quello che al momento sembra essere stato un incidente Halyna Hutchins, 42 anni, direttrice della fotografia. È morta in ospedale dove era stata ricoverata a causa delle ferite riportate sul set.

Ricoverato in gravi condizioni a Santa Fe anche il regista Joel Souza, 48 anni, raggiunto da almeno un proiettile. Al momento le informazioni che arrivano sono comunque frammentate e in attesa di accertamenti. Non è ancora stato chiarito neanche che tipo di pistola l’attore stesse maneggiando. Secondo quanto scrive Tmz la scena richiedeva che qualcuno sparasse con una pistola caricata a salve. Non è chiaro se chi ha caricato la pistola abbia erroneamente inserito dei proiettili. La tragedia si è consumata intorno alle 13:50 di giovedì, ora locale, quindi nella notte italiana.

 

“È stato un incidente, è stato un incidente”, le parole dell’attore sotto shock dopo l’accaduto. Baldwin ha 68 anni, tra i volti più famosi del cinema americano oltre che della televisione. È anche coproduttore del film che si stava girando. Al momento non è stata formalizzata nessuna accusa per i fatti che sono comunque oggetto di indagine. Baldwin si recato spontaneamente alla polizia.

“Il signor Baldwin è stato interrogato dagli investigatori”, ha detto all’Afp il portavoce dello sceriffo di Santa Fe Juan Rios. “Ha fornito dichiarazioni e ha risposto alle loro domande. È entrato volontariamente e ha lasciato l’edificio dopo aver terminato l’interrogatorio – ha aggiunto – non sono state presentate accuse e non sono stati effettuati arresti”.

Hutchins e Souza “sono stati colpiti quando Baldwin ha scaricato una pistola usata nelle riprese del film” aveva detto lo sceriffo di Santa Fe. Rust doveva essere un film western, scritto e diretto da Joel Souza, sulla storia del fuorilegge Harland Rust, che soccorre per aiutare il nipote di 13 anni condannato a morte.

 

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.