Una settimana fa aveva festeggiato il suo terzo compleanno, ieri sera, giovedì 12 gennaio, la piccola è stata trovata in fin di vita all’interno della lavatrice dell’abitazione dove viveva con i genitori a Parigi. A ritrovarla è stato il papà, 48 anni, dopo ore di ricerche che avevano coinvolto tutta la famiglia. ”A prima vista la bambina non mostrava segni di percosse”, ha spiegato all’emittente Bfmtv una fonte della polizia a condizione di anonimato. I soccorsi giunti sul luogo del ritrovamento non sono riusciti a rianimare la bambina.

Secondo gli inquirenti, che hanno aperto un’inchiesta per far luce sul decesso della piccola, i genitori (nella famiglia ci sono altri 4 bambini) si sono accorti della scomparsa della bambina e l’hanno cercata ovunque, in casa e fuori, nel XX arrondissement. Poi intorno alle 22.30 la drammatica scoperta del genitore che ritrovato la bimba in condizioni critiche all’interno della lavatrice con lo sportello chiuso. La bambina era in condizioni critiche quando è stata presa in carico dai servizi di emergenza e il decesso è stato dichiarato un’ora dopo, alle 23.30.

Non è ancora nota la causa del decesso che potrebbe essere legato a un soffocamento. Sarà l’autopsia che verrà effettuata nelle prossime ore sul corpo della bimba a far luce sull’accaduto. Secondo quanto riporta Le Parisien, al rientro dal lavoro, il padre ha cenato con la moglie 37enne e uno dei loro figli. La famiglia contava cinque in totale. “Il maggiore ha 18 anni, poi ci sono i figli tra i 7 e i 16 anni e infine la vittima”, spiega una fonte della polizia. Apparentemente i genitori non sapevano cosa stessero facendo esattamente gli altri quattro figli durante la cena. Solo successivamente i genitori si sarebbero resi conto dell’assenza della piccola avviando le ricerche sia in appartamento che fuori, chiedendo aiuto ai vicini. Una volta ritrovato il corpo della figlia, il padre ha subito chiamato la polizia e i soccorsi medici.

Redazione