Trentatré nuovi magistrati nei tribunali di Napoli e del distretto. Lo ha annunciato il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede durante la sua visita a sorpresa al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere “per toccare con mano – come ha detto – la situazione degli uffici giudiziari in una fase di ripartenza dopo l’emergenza Coronavirus”.

Meglio tardi che mai, hanno commentato tanti fra coloro che ogni giorno segnalano e denunciano le carenze, i disagi, le difficoltà e i disservizi del sistema giustizia. “Ho firmato proprio ieri sera il decreto per le nuove piante organiche – ha spiegato Bonafede – Su 422 nuovi posti per la magistratura, 33 saranno destinati al distretto di Napoli, e di questi tre verranno al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Ciò dimostra l’attenzione che c’è per una terra in cui la presenza dello Stato nella giustizia deve essere costante, assidua”.

In questi ultimi tempi, però, la giustizia è stata al centro di tante polemiche per le carenze di risorse e la lentezza della ripresa dopo il lockdown. Tuttavia da Santa Maria Capua Vetere, il ministro Bonafede, annunciando visite nei Tribunali di tutta Italia, ha provato a lanciare un messaggio positivo: “Un anno fa qui fu inaugurata la nuova sede del Tribunale civile, oggi ho trovato una situazione positiva. Negli ultimi due anni abbiamo inviato 20 assistenti giudiziari c’è voglia di riprendere”. Si vedrà.